0 3 minuti 2 mesi

Alla fine ‘basta’ un golazo di Lovera per decidere l’edizione numero quattro della Copa de la Liga Profesional. A Santiago del Estero è festa grande per il Rosario Central che conquista la dodicesima stella della sua storia, tornando a vincere in campo nazionale dopo un digiuno lungo cinque anni.

Ma al Madre de Ciudades il trionfo dei rosarini non è stato così semplice, complice l’atteggiamento impeccabile del Platense, concentrato sul partido, battagliero sui contrasti e più pericoloso tra le due compagini in avvio di gara. In realtà i sentori di un partido complicato i tifosi canallas li avevano avvertiti nelle ore precedenti, dato il caos organizzativo che costringeva gli oltre 30.000 ad attendere ore sotto il sole cocente e divenendo vittime, senza un plausibile motivo, di manganellate dalla polizia in assetto antisommossa.

Nessun regalo, neanche sul terreno di gioco per la squadra di Miguel Ángel Russo, pressata e contenuta bene, dove passava in vantaggio solo con un gran gol di Maxi Lovera a cinque minuti dalla fine del primo tempo. Un golazo incredibile, il gol della vita, maradoniano e messianico allo stesso tempo, che faceva explotare i trequarti di stadio occupati di tifosi canallas.

Nella ripresa l’infortunio dell’attaccante Pellegrino (uscito in ambulanza) scombina i piani alla squadra marron di Martín Palermo, che deve subìre anche la traversa di Campaz prima di creare il vero pericolo con la conclusione di Maxi Zalazar, neutralizzata da una grande parata di Broun. Nel finale si fanno sentire la stanchezza, i 38 gradi di Santiago del Estero e la frenesia di recuperare contro un Rosario Central che ormai non ha più motivo di affondare il coltello: si spiega così la frustrazione del capitano Suso che si fa ammonire due volte in dieci minuti, sentenziando di fatto la partita, anche se, il subentrante Servetto, mette i brividi al ‘FaturaBroun con una conclusione che sfiora il palo. Il Rosario Central centra l’obiettivo di vincere il trofeo e Miguel Russo entra nell’olimpo dei condottieri più amati dalla Rosario azul amarilla . Il Rosario Central è il nuovo Campeón del fútbol argentino. Felicitaciones Canalla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Libertadores