0 3 minuti 11 mesi

Clamoroso colpo di scena nella guerra tra Boca e Liga Profesional. Stanotte al Florencio Sola debutterà in Primera nientemeno che il Boca juniores assieme alle riserve della primavera!

Era nell’aria, ma tra qualche ora sarà ufficiale. Il Boca Juniors giocherà contro il Banfield schierando nientemeno che le riserve della Reserva (primavera) e ragazzini della ‘cuarta del fútbol juvenil‘ (juniores), nella seconda giornata di Primera del Torneo Socios.com. È questa la drammatica decisione che il consejo de Boca ha dovuto prendere dopo i fatti che hanno coinvolto la prima squadra e Reserva. Situazione paradossale all’indomani dell’infausto ottavo di Libertadores che ha decretato l’eliminazione degli Xeneizes dal torneo continentale.

Sono state ore di fuoco nella notte tra venerdì e sabato. Il Boca divulgava tramite i suoi organi social una nota ufficiale destinata alla Liga Profesional, nella quale si ribadiva una volta in più la totale osservanza delle misure sanitarie previste per la totale integrità della bolla sanitaria di squadra, certificata anche da Conmebol e ambasciatore argentino in Brasile. A nulla è valsa però la richiesta di nuovo rinvio della partita contro il Taladro, data la risposta negativa dopo poche ore dalla stessa Liga, che rimaneva intransigente nella propria posizione, minacciando penalizzazioni e multe in caso di mancata presenza della squadra ai cancelli dello stadio.

Con i giocatori della prima squadra isolati e la Reserva che già ha giocato, stanotte il Boca schiererà i ragazzini della cuarta al loro assoluto debutto in Primera, integrando la lista convocati con i giocatori della primavera che non sono scesi in campo ieri. Decisione forte, che immaginiamo avrà una certa ripercussione politica all’interno della Liga e in AFA, con equilibri, già instabili, che potrebbero variare clamorosamente nei prossimi mesi. Attendiamoci perciò rappresaglie e oltranzismo da parte di Riquelme e consejo de futbol: questo despotismo a La Republica de La Boca non verrà di certo perdonato.


calcioargentino.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.