0 3 minuti 7 mesi

Il River Plate è campione di Argentina! È questo il verdetto che nella notte arriva dal Más Monumental di Nuñez con la goleada per 3 a 1 rifilata contro il malcapitato Estudiantes. Entusiasmo alle stelle per un titulo che arriva l’anno successivo dall’addio del Muñeco Gallardo e che consacra per la prima volta nella sua nuova carriera di allenatore ‘el michu’ Demichelis, che entra nuovamente nella storia del club millonario.

Dopo un recibimiento da parte dei tifosi a dir poco straordinario, il River esce dagli spogliatoi con il coltello tra i denti e dopo appena un minuto e cinque secondi si ritrova già in vantaggio con la grande giocata di Gonzalez Pirez che destabilizza la difesa del Pincha. La palla arriva a Beltrán che in area non può sbagliare con un diagonale efficace, facendo esplodere gli oltre 86.000 assiepati sugli spalti.

Sbloccato subito il match, il River cerca si amministrare la partita rallentando i ritmi di gioco. Ne approfittano gli ospiti che si fanno pericolosi con il goleador Carillo, che viene anticipato di un soffio da un’uscita spericolata di Armani. Il River vive di fiammate e per l’uruguayo De la Cruz arriva il momento di indossare il costume da supereroe; prima trasformando in rete una corta ribattuta della difesa avversaria a poi con un un assist al bacio per la corsa del Nacho Fernandez, che viene fermata fallosamente in area dal disastroso portiere Sappa. Il rigore di Barco gonfia di nuovo la rete e quando siamo giunti appena al 31′ il tabellone recita: River 3, Estudiantes 0.

11° gol per Lucas Beltrán: stagione fin qui straordinaria.

Nella ripresa il River tira i remi in barca e inizia a giocare di testa, amministrando con un ritmo meno frenetico il risultato. Si rivede quindi l’Estudiantes, che al 21′ accorcia le distanze con la rete di Mauro Mendez in un contropiede letale che apre la difesa dei padroni di casa. La gara sostanzialmente si conclude qui, tra le lacrime di Demichelis e uno striscione nella curva che recita: “Gracias por esta Alegria”. Il River è di nuovo Campeón della Primera e scuce il titulo dalla casacche del Boca dopo un 2022 da incubo raggiungendo proprio il Xeneize in vetta nella speciale classifica dei titoli nazionali (52). Inizia l’era Demichelis con un trionfo al primo tentativo: felicitacionaes Millo, felicitaciones Martín.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Libertadores