0 7 minuti 2 anni

Probabilmente avrete già sentito parlare dei gemelli Óscar e Ángel Romero, rispettivamente trequartista e seconda punta del San Lorenzo e della nazionale Paraguaya.

Si tratta di due giocatori in grado di fare la differenza tanto nel club quanto con la seleccion grazie alle loro caratteristiche tecniche al di sopra della media. 

Sbarcati a Boedo tra l’euforia generale a metà del 2019 rispettivamente dallo Shanghai Shenhua e dal Corinthians furono presentati con un video in cui venivano paragonati ai gemelli Derrick di Holly e Benji (Hermanos Korioto nella versione sudamericana). Grazie al grande sforzo economico del club presieduto da Marcelo Tinelli, Ángel ed Óscar hanno finalmente coronato il loro sogno di tornare a giocare nella stessa squadra dopo gli inizi al Cerro Porteño (guarda caso il Ciclón paraguayo).

Se Óscar in passato aveva vestito la maglia del Racing ed era quindi già conosciuto dai tifosi argentini, lo stesso non si poteva dire di Ángel che è stato una vera e propria sorpresa per i tifosi cuervos già dalle prime uscite, nelle quali mostrava grande tecnica nel dribbling stretto, velocità e freddezza in area di rigore. Le abilità tecniche di Oscar (visione di gioco, dribbling, passaggi filtranti e tiro dalla distanza) sono invece emerse in un secondo momento, dopo un piccolo periodo di ambientamento dovuto forse agli anni passati in Oriente.

Nonostante il lungo periodo di stop legato all’emergenza Covid, è innegabile che i gemelli Romero si siano calati perfettamente nella parte di “Top Player” del San Lorenzo convincendo con le loro prestazioni sul campo anche i tifosi più scettici che li accusavano di auto-considerarsi delle ‘super star’, prima ancora di aver dimostrato di poter essere i trascinatori della squadra sul campo. Inoltre, con il loro stipendio fuori dai parametri del calcio argentino per qualsiasi squadra che non sia Boca o River, erano anche accusati di togliere preziose risorse al club in un periodo così complicato a livello economico (anche se inspiegabilmente pare che il più pagato tra i giocatori in rosa sia il terzino destro ex-Catania Gino Peruzzi).

In realtà i problemi del ‘Romeroteam’ (come si fanno chiamare su Twitter e Instagram) nascono da alcuni episodi ambigui che hanno offerto alla stampa e alle tv opportunità per sollevare polveroni mediatici, incendiando i social e generando polemiche tra i tifosi.

Uno dei punti chiave di queste vicende è il fatto che i ‘mellizos’ siano intimamente legati tra loro e tendano spesso a difendersi a vicenda, sia dentro che fuori dal campo. Seppur comprensibile, questo atteggiamento da ‘squadra a se stante’ ha rischiato di farli isolare dal resto dei compagni. Circolavano voci qualche tempo fa (ma piuttosto inverosimili) secondo le quali avevano preteso e ottenuto uno spogliatoio privato, separato da quello degli altri giocatori. Naturalmente, a prescindere dalla veridicità, furono messi di nuovo alla gogna mediatica.

Durante poi la partita con il Talleres a Cordoba dell’anno scorso pare che Ángel si fosse rifiutato di rientrare in campo nella ripresa dopo aver appreso che il tecnico, il traghettatore Monarriz, aveva preso la decisione di sostituire suo fratello, nonostante il cambio fosse giustificato dalla necessità di modificare l’assetto della squadra, rimasta da poco in inferiorità numerica.

La polemica rientrava dopo qualche giorno solo dopo l’esonero di Monarriz. Altri misteriosi episodi hanno poi fatto seguito come il tira e molla sul ritorno in Argentina durante il lockdown (quando i gemelli avevano invece preso la decisione di rimanere in Paraguay con la famiglia) o la frattura al perone subita dal compagno “Yacaré” Marcelo Herrera dopo un intervento al limite di Ángel in una partitella di allenamento. Anche in questo caso le grandi polemiche si spegnevano in poco tempo grazie ad una visita congiunta con relativa foto social dei due fratelli a casa dello sfortunato Herrera.

L’ultimo episodio della serie è molto fresco, dato che risale a giovedì notte e vede protagonista ancora Ángel. Il giocatore, dopo aver segnato il rigore del momentaneo 1-0 sull’Argentina alla Bombonera, ha causato il grave infortunio al centrocampista ex River Exequiel Palacios attualmente in forza al Bayer Leverkusen.

Saremo forse di parte ma, sinceramente, analizzando la dinamica dell’azione non ce la sentiamo di affermare che l’intervento con il ginocchio sulla schiena dell’avversario fosse davvero volontario. Ciononostante, i giornali hanno colto la palla al balzo per creare la “solita” polemica accusando Ángel di aver voluto vendicare il fallo subito dal fratello Óscar da Exe Palacios durante un River-San Lorenzo di fine 2019. Ovviamente hanno subito sottolineato la recidività di Ángel (che a loro modo di vedere tanto “ángel” non è), andando a ripescare l’episodio con Herrera (del quale tra l’altro non ci sono immagini).

Insomma, nel bene o nel male i due gemelli Romero sono sempre al centro dell’attenzione mediatica dividendo spesso i tifosi in ‘favorevoli’ e ‘contrari’, ma quello che più ci importa è che continuino a fare magie in campo visto che, numeri alla mano, hanno partecipato segnando o fornendo assist a 9 degli ultimi 14 gol della squadra (esclusi gli ultimi 4 rifilati all’Aldosivi dato che non hanno partecipato alla trasferta a causa dell’impegno con la nazionale).

In pratica, ci accontentiamo di continuare a vedere cose come queste:

Gol de Oscar vs Aldosivi
Gol da centrocampo di Oscar
https://www.youtube.com/watch?v=Jxy8uaozf-E
Gol de Angel vs Estudiantes

di Loren_cuervo


calcioargentino.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Libertadores