0 7 minuti 4 anni

Cronaca semiseria della partita più importante della storia del futbol argentino.

Finalmente si gioca, e data l’attesa di un mese, non è cosa da poco.

-Evvai con la birra ghiacciata!

Ore 19.45 ecco le formazioni titolari:

Dalla lettura frenetica subito salta all’occhio la sorpresa Benedetto al posto di Abila, e Nacho nel River al posto di Borré squalificato.

E Cardona in tribuna.

-Ma se ha segnato nell’ultima in campionato?

Primo tempo teso, brutto. Il River non azzecca un passaggio e al centrocampo è sovrastato dal Boca che pressa bene. Nacho e il Pity sono troppo avanti per essere serviti come Dio comanda, e quando succede vengono subito raddoppiati in marcatura. Il River è lungo, slegato tra i reparti e con Pinola e Maidana spesso pasticcioni, costretti provare il lancio lungo per rifornire gli in-avanti.

-Vabbè io vado a prendere le patatine

Il Boca invece appare messo bene in campo, raccolto quasi tutto nella propria metà campo, appare corto e pronto ad approfittare di qualche possibile errore dei Millos.

-Oooh hai visto quella in tribuna?!?

La partita è brutta nei primi minuti, il Boca al 10′ però si fa pericoloso con Perez lasciato incredibilmente solo in area dopo un calcio d’angolo: Armani comincia a sudare in quel secondo e mezzo che passa dalla battuta ma gli va bene perché il tiro è centrale.

Passano 20′ che ancora lo stesso Perez e Nandez mancano il gol nella stessa azione per questione di centimetri. E qui si incomincia a pensare che la porta sia stregata.

A questo punto dovrebbe scattare un campanello d’allarme nel River perché oggi è davvero irriconoscibile: gioca male ed è impreciso nei fondamentali.

-Eh, se ci fosse il Muñeco li metterebbe tutti in riga..

Il crack della partita lo fa Benedetto, che gioca a sorpresa di tutti al posto di Abila. Èd una mossa geniale di Schelotto perché lo stesso Pipa di rimessa in un’azione talmente veloce quanto magistrale, prende il pallone nella trequarti, si beve Pinola, dribbla come un birillo Maidana, avanza da solo verso Armani..

Stooooooop! 🛑

-Che c’è?

Alzi la mano chi non ha pensato la stessa azione nella partita d’andata!

-Ma dai, lo sbaglia come alla Bombonera.. C’è superArmani, in porta, quando passi?

Dicevamo, Benedetto da solo, si aggiusta la palla eeeeeeeeeeeee

Gooooooooooooooollllll

Del Bocaaaaaaaaaa!

Benedetto ha spaccato la partita ..e i sogni dei tifosi gallineri al 43′

-Ma nooo mancavano 2 minutiiii

Il primo tempo finisce così, con la gioia incontenibile xeneize e la delusione profonda riverplatense.

E potrebbe davvero essere la serata della 7^ se non che succede quello che non t’aspetti..

-Perché non va a finire così?!

Il secondo tempo inizia come il primo.

-No no guarda che adesso ti sbagli, guarda come gioca il River sembra più reattivo, corrono di più..

E in effetti il fantasma di Napoleon avrà fatto capolino nello spogliatoio del River all’intervallo dato che ora sembrano tutti rigenerati.

Il Boca appare sempre rintanato e chiuso a difendere il risultato, basterebbe un contropiede per finire tutto, e Benedetto l’ha già fatto vedere.

Ma qui cambia la partita: Benedetto esce per far spazio a quel Marc’Antonio di Abila..

Ecco, qui qualcuno parla di infortunio ma il Pipa al momento della sostituzione appare contrariato.

-Cos?

Problema fisico Pipa? No

Non ce la fai più Pipa? No

Devi fare la pipì Pipa? No

Non si capisce al momento ma non preoccupatevi, si capirà ancora meno dopo.

-Ah bè allora..

Ora il Boca è schiacciato, non riesce ad uscire. Un paio di falli procurati da Abila fanno respirare i centrali difensivi, ma è solo questione di attimi.

Il River cerca di darsi una scossa ulteriore: ora o mai più. Quel diavolaccio di Biscay ne sa una più di Gallardo verrebbe da dire.. Esce Ponzio, un centrocampista ed entra Quintero, uno dei tanti, da sempre promessa ma mai sbocciato del tutto.

E qui cambia nuovamente El partido, un altro scatto del match verso la direzione River:

67′

Quintero, Nacho, Palacios, Nacho, Pratto Goooooooooooooool

Azione bellissima che testimonia che il peso offensivo del River si è spostato dalle fasce al centro.

-Che partita! e adesso?

Il Boca qui scompare e accusa il colpo: improvvisamente i centrali difensivi del River appaiono come supereroi della Marvel, Pavon continua a peregrinare per il campo in cerca della monetina perduta nel riscaldamento; Villa accenna a qualche sgasata ma non è serata. Abila si sbatte ma non entra in partita.

La partita ora continua a prendere la piega millonaria perché nel limbo, il River Plate continua giocare: cambi di gioco veloci, precisione nei passaggi.. è un’altra squadra rispetto al primo tempo.

Non sarà il Real o Barcellona ma è molto meglio del Boca e questo basta.

90′ doppia ammonizione in 5 minuti di Barrios che fin lì si era comportato bene. Entra Jara al posto di Villa e l’arbitro fischia la fine dei 90’.

-Vabbè partita chiusa allora, con l’uomo in più..

Non proprio, perché c’è ancora da soffrire.

Finisce il primo tempo supplementare col risultato di 1-1.

-Nooo, non dirmi che son andati si rigori..

No, non te lo dico perché al 109′ proprio quella mezza promessa di Quintero cala l’asso e dal limite dell’area lascia partire un gran tiro che si infila sotto la traversa.

River2 Boca1

-Maddai, incredibile, e finisce così?

Stai iniziando a stancare, comunque no, perché da adesso in poi si vede di tutto:

⁃ Andrada da portiere a centrocampista aggiunto

-Eh?

⁃ Contropiedi del River buttati al vento

-Che scarsi

⁃ Palo claaamoroso al 120’ del Boca, roba che adesso staremmo a scrivere dell’altro..

-Noooooooooooooooo

⁃ Rottura del tendine d’Achille del povero Gago in diretta

Poverino, ancora…

⁃ Gol a porta vuota del Pity

Vabbè la fine del mondo..

È proprio la FINale del mundo!

Onore al River ma fragilità Boca:

Anche in questa partita si è visto Schelotto, che quando la partita si mette male e va in difficoltà, non riesce a reagire in maniera lucida e a controbattere in maniera efficace.

-Col senno di poi son piene le fosse

Hai ragione ma non è la prima volta che Schelotto non riesce a tenere fermo il timone. Il punto di forza del Boca sono le individualità al contrario di quello del River che è basato sul gruppo. E su questo incide e non poco il carisma di Gallardo, cosa che Guillermo fatica a trasmettere.

-Ok il River è stato più forte del Boca, ma ci voleva tanto a dirlo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.