0 4 minuti 1 settimana

Ultime amichevoli della Scaloneta in vista della Copa de Mundo. In programma stanotte il primo impegno contro l’Honduras, selección n* 76ª nel ranking FIFA.

Dopo il via libera ottenuto nelle Eliminatorie sudamericane per la Scaloneta iniziano gli esami in previsione del Mundial di Qatar 2022. Nella location dello Sun Life Stadium di Miami questa notte la Selección Argentina scenderà in campo per la prima delle due amichevoli previste affrontando l’Honduras del tecnico argentino Diego Vasquez, ex portiere dei primi anni novanta del River Plate.

Dopo 114 giorni dall’ultima partita ufficiale (Finalissima vs. Italia) c’è molta attesa per la nazionale di Leo Scaloni, che nei giorni scorsi ha ‘scremato’ ulteriormente le convocazioni, già rese note qualche settimana fa. Non faranno parte di questi impegni il portiere Juan Musso, recentemente sottoposto a un delicato intervento dopo la frattura dello zigomo – e a al 99% fuori dal Mundial -; Martinez Quarta, escluso per scelta tecnica; Foyth e Palacios, a causa infortunio. Il fiorentino Nico Gonzalez è stato inserito all’ultimo minuto nella lista del Dt dopo ripensamento – e dopo la buona prestazione contro il Verona – da Scaloni.

Non vedremo in campo – almeno nella prima gara – el Cuti Romero, a seguito del ritardo del rilascio del visto internazionale da parte delle ‘integerrime’ autorità inglesi. Assenza difensiva importante per Scaloni, che nell’allenamento di ieri ha cambiando totalmente le carte in tavola, schierando un inedito 5-3-2 (Martinez; Montiel, Pezzella, Lisandro Martínez, Medina y Tagliafico, De Paul, Paredes, Lo Celso; Messi, Correa).

“Ho il massimo rispetto dall’Honduras” dichiara Scaloni nella conferenza prepartita. “È una squadra che ha negli anni passati ha fatto apparizioni ai Mondiali e ha avuto buoni giocatori. Rispettiamo l’Honduras. Non sottovalutiamo nessuno”.

In campo non c’è storia, con l’Argentina che chiaramente parte da ultra favorita contro un sparring partner ’da allenamento’: “Noi abbiamo una buona base. Questa squadra ha dimostrato di giocare un un buon calcio, al di là dei nomi che scendono in campo” continua Scaloni nella sua analisi. “È un Mondiale, il sogno di tutti, ma il giocatore che vuole prender parte al sogno dovrà essere disponibile per l’allenatore del suo club, e poi essere disponibile per quello che viene dopo”.

In riferimento poi alla lista dei 26 per il Qatar: ‘Per il momento ci sono giocatori infortunati. Quando dovremo fare delle scelte definitive li rivaluterò. Sono arrabbiato perché non c’è Cuti Romero”, riferito al visto arrivato in ritardo. Il centrale del Tottenham starebbe già in viaggio per raggiungere i compagni di Selección.

Ha destato sorpresa ieri lo schieramento della linea a cinque nell’allenamento pomeridiano. Scaloni chiarisce: “I cambi di formazione anti-Honduras saranno due o tre, l’ossatura della squadra rimane quella. Messi? Con me giocherà sempre, non ci sono dubbi. È un caso diverso dagli altri, inutile dirlo. È felice, sta bene. La squadra ha fatto dei passi in avanti. Siamo felici per il suo presente”.

Appuntamento quindi a stanotte, alle 02:00, per i 180 minuti prima dell’inizio del sogno mundial di Qatar 2022.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Libertadores