0 5 minuti 3 settimane

Notte di passione e speranza a Luque. Nel quartier generale della Conmebol è stata sorteggiata la prima fase a gruppo dell’edizione 2024. Ebbene, per le argentine gioie e dolori, col River che pesca agevolmente, mentre il San Lorenzo viene inserito nel ‘gruppo della morte’.

Copa Libertadores

Si diceva sospiro di sollievo dopo il sorteggio del gruppo del River. Il Millonario dovrà condividere il Gruppo H dell’edizione 2024 con il Libertad (Paraguay), Deportivo Táchira (Venezuela) e Club Nacional dell’Uruguay. Buone notizie dunque per Demichelis, che vede accessibile la strada verso la fase eliminatoria.

Ben più impegnativo il cammino del Talleres, di nuovo presente nella massima competizione sudamericana a due anni di distanza dallo storico raggiungimento dei quarti di finale, poi persi contro il Vélez. Nel girone B gli uomini di Walter Ribonetto dovranno affrontare il San Pablo, il Barcelona (Ecuador) e i cileni del Cobresal (Cile). La T di Cordoba dovrà affrontare dunque la trasferta di Guayaqui, il mitico Murumbi e l’altura cilena dei 2.600m del deserto di Atacama per staccare il pass per gli ottavi.

L’Estudiantes, alla caccia della sua quinta Libertadores della sua storia, riparte dal girone C dove affronterà il Gremio de Porto Alegre (Brasile), The Strongest (Bolivia) e Huachipato (Cile). Piacevole dejavù per il Pincha di La Plata che incontrerà così ancora una volta i brasiliani che gli regalano l’ultima conquista dell’America nel 2009 sotto la jerarquia di Juan Sebastián Verón. Oltre a Porto Alegre l’Estudiantes affronterà i 3.600 metri di La Paz del Siles e l’Huachipato, club di provenienza di Javier Altamirano, il giocatore coinvolto nelle crisi convulsive di domenica scorsa (e ora ristabilitosi)

Girone complicato anche per il Rosario Central, inserito nel gruppo G assieme alla testa di serie Peñarol e soprattutto, Atlético Mineiro. Due avversari impegnativi per il Canalla di Rosario che disputerà la massima competizione per la quattordicesima volta. Infine sarà il Caracas (Venezuela) la quarta compagine del girone, molto più accessibile rispetto alle prime due.

Ma il probabilmente il girone più impegnativo delle argentine sarà quello del San Lorenzo, incluso nel gruppo F assieme a Palmeiras e Independiente del Valle, due dei club più attrezzati per la vittoria finale. Solo dopo la trasferta nella ‘Palestra Italia’ di San Paolo e nell’altura ecuadoriana dei 2.600 metri di Sangolquí, il Ciclón affronterà il Liverpool de Montevideo, equipo più accessibile in un girone infernale.

Copa Sudamericana

Il Boca Juniors pesca ‘male’. Il Xeneize, di ritorno in Copa Sudamericana dieci anni dopo l’ultima partecipazione, pesca il Fortaleza (Brasile), vicecampione della scorsa Sudamericana, il Nacional Potosí (nell’altura dei 4.090 m boliviani e di cui il logo del club è praticamente il fac simile di quello del River…) e lo Sportivo Trinidense (Paraguay). Certamente poteva andare meglio per il plantel guidato da David Martinez.

Anche il Racing Club, dopo i fasti della Libertadores, riparte dalla Copa Sudamericana. La Acadé, testa di serie nella competizione continentale, giocherà contro l’Independiente Medellín (Colombia), Coquimbo Unidos (Cile), lo Sportivo Luqueño (Paraguay) e i brasiliani del Red Bull Bragantino, vera insidia del girone H.

Il Lanús parteciperà nuovamente a una competizione internazionale affrontando nel Girone G i venezuelani del Metropolitanos, il club brasiliano del Cuaiba e i peruviani del Deportivo Garcilaso, alla sua prima partecipazione al torneo sudamericano. Girone accessibile per le speranze di qualificazione del Granate.

Il Defensa y Justicia si appresta ad affrontare una nuova avventura subcontinentale. Inserita nel gruppo A, la vincitrice dell’edizione 2020 affronterà Independiente de Medellín (Colombia), Universidad César Vallejo (Perù) e Always Ready (Bolivia), nei suoi 4.090 metri di altitudine.

Dopo la meritata qualificazione in Sudamericana durissimo è stato il sorteggio per il Belgrano, che si troverà a competere contro i favoritissimi alla vittoria finale dell’Inter de Porto Alegre. Inseriti nel gruppo C anche il Delfín dell’Ecuador e il Real Tomayapo della Bolivia.

Infile l’Argentinos Juniors, inserito nel pericoloso gruppo F assieme a Corinthians (Brasile), Racing de Montevideo (Uruguay) e Nacional de Paraguay.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Libertadores