0 4 minuti 1 mese

Arsenal Sarandí-River Plate 0-0

Nella notte argentina il River non va oltre il pareggio contro l’Arsenal de Sarandí. Perde così l’occasione, la squadra di Gallardo, di proseguire la rincorsa verso i piani alti della tabla, non approfittando della frenata della capolista Atlético Tucuman. Al Viaducto infatti è solo 0-0 tra Arsenal e Millo nel turno infrasettimanale, valevole per la 14ª giornata di Primera División.

Merito anche di un Arse rinvigorito per l’occasione, che battaglia incessantemente per tutti i novanta minuti, non lasciando troppo spazio ai più blasonati avversari. Iniziano meglio i padroni di casa con l’atteggiamento giusto e la conclusione di Kruspzky – con annesse carambole velenose – che mette i brividi al portiere Armani. Man mano che passano i minuti la Banda di Gallardo riesce a prendere delle redini della gara, facendosi pericolosa con le occasIoni di De la Cruz, Quintero e Pinola.

Nella ripresa è subito il neo entrato Miguel Borja che va vicino al gol ma l’Arsenal, nei minuti conclusivi, costruisce i presupposti per la vittoria finale: colpo di testa di Machado e grande intervento di Aliendro ad Armani battuto, che fa sussultare il Julio Grondona e salva dalla sconfitta Marcelo Gallardo.

Termina 0-0. Il River si ridimensiona dopo i fasti del Monumental, confermando la storica ‘mala racha’ del Millonario a Sarandì. Al Viaducto infatti il River non vince dal 2012. Dieci anni fa. Un motivo oscuro ci sarà.

Boca Juniors-Rosario Central 0-0

Non sono mancate le emozioni neanche alla Bombonera tra Boca e Rosario Central nonostante lo 0-0 finale. Si inizia subito alla grande con il commovente recibimiento a Carlos Tevez, idolo del club e per la prima volta di ritorno tra i suoi vecchi tifosi da avversario. Dopo la camiseta e la placa commemorativa consegnata dal Chicho Serna, l’arbitro Echavarria può dare inizio alla partita.

Nemmeno dieci minuti e subito arriva la prima occasione. Mani in area di Advincula, giudicato punibile dal Var, e calcio di rigore per il Central. Il portiere rigorista Servio si incarica del tiro dagli undici metri ma il ‘collega’ specialista Rossi intercetta il penal e disinnesca la minaccia.

Bisogna aspettare i minuti finali del primo tempo per un’altra decisione arbitrale che segnerà la partita. Questa volta è il Boca a beneficiare della massima punizione, ma Pol Fernandez spreca malamente, ipnotizzato dallo stesso Servio. Che così si redime.

Nella ripresa il Xeneize appare più convincente nella manovra e con Villa sfiora il successo con un bombazo che si stampa all’incrocio dei pali. Nonostante la pressione esercitata dalla squadra di Ibarra, il Canalla riesce a tenere dritto il timone fino al triplice fischio, portando a Rosario un prezioso pareggio.

Figura del partido, obviamente Rossi, che con diciotto rigori parati nelle ultime sei stagioni appare come il portiere più virtuoso della specialità a livello mondiale. Increíble.

Con il secondo pareggio consecutivo il Boca frena la remuntada in Primera e rimane a meno nove dalla vetta. Prossimo impegno, domenica notte al Tito Tomaghello contro il Defensa y Justicia di Beccacece.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Libertadores