0 3 minuti 2 mesi

Nella notte ultime gare di Copas. In Libertadores l’Estudiantes recupera a Fortaleza; in Sudamericana cade il Lanús a Quito.

Libertadores

Fortaleza-Estudiantes 1-1

Termina in parità l’andata degli ottavi del Estudiantes, impegnato nella trasferta brasiliana di Libertadores a Fortaleza. La squadra di Zielinski guadagna un prezioso pareggio in vista del ritorno a La Plata e lascia aperta la porta per l’approdo ai quarti di finale.

Si dimostra partita equilibrata tra l’equipo dell’ex Dt Huracán Juan Pablo Vojvoda e quello argentino. El chino Romero, vecchia conoscenza Independiente ed ora centravanti del club brasiliano, è il protagonista assoluto del match, riuscendo a sbloccare la partita al 23’ (rete annullata per fuorigioco) e poi regolarmente al 20’ della ripresa.

Nonostante il tifo infuocato dei 60.000, il Pincha non si disunisce e trova il pareggio otto minuti dopo con Leandro Diaz, abile a farsi trovare pronto a centro area per la finalizzazione decisiva. Nei minuti finali, brividi per la traversa colpita da Landazuri, che porta i padroni di casa ad un passo dal successo.

L’Estudiantes esce del Castelão di Fortaleza indenne. Ritorno tra sette giorni al Estadio UNO di La Plata.

Sudamericana

Independiente del Valle-Lanús 2-1

Sono fatali gli ultimi minuti per il Lanús, che nell’altura ecuadoregna di Quito esce sconfitto contro l’Independiente del Valle per 2 a 1.

Meglio i padroni di casa nei novanta minuti, che passano in vantaggio sul finire primo tempo grazie al cabezazo di Shunke, abile a sfruttare un calcio da fermo. Nella seconda parte di gara arriva la reazione gránate con la rete di Belmonte, che pareggia momentaneamente il conto sfruttando una respinta corta del giovane portiere Ramírez Preciado.

L’assalto a tempo scaduto premierà ancora una volta l’equipo di casa guidato dall’argentino Martín Anselmi. Il colpo di testa dell’ex Estudiantes Ayovi risulterà decisivo per la vittoria finale.

Definizione della serie, giovedì notte prossimo in Argentina. Si prevede battaglia al Néstor Diaz Pérez.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Libertadores