0 4 minuti 5 mesi

Marcelo Gallardo contro el Cacique Medina, ovvero, due modi simili di intendere il futbol, fatto di gioco e di continue proposizioni offensive. C’è curiosità per sapere come andrà a finire questa notte, tra due delle squadre più imprevedibili del panorama argentino.

Dopo il Boca arriva il momento della verità anche per Vélez e River. Questa notte le due compagini argentine si affronteranno all’Amalfitani per l’andata degli ottavi di Libertadores. Primo round che vedrà quasi 50.000 tifosi sostenere la ‘V‘ contro il più quotato Millo, in attesa del ritorno al Monumental previsto per la settimana prossima.

RIVER. Giorni particolarmente caldi nel mundo millonario a causa del prossimo addio della joyita Julian Alvarez, partente in direzione Manchester. Speculazioni da parte di fonti autorevoli danno molto vicino l’approdo al River, nientemeno, che del pistolero Luis Suarez, ex goleador dell’Atletico Madrid e ora in procinto di trovare continuità, in vista di Qatar 2022. L’uruguayo sposterebbe gli equilibri Libertadores in un club da sempre con DNA copero. A proposito di acquisti, si è conclusa positivamente la trattativa con il Colón che ha portato a Nuñez il centrocampista Aliendro, già presentato nei giorni scorsi dalla Banda e già inserito nella Lista Libertadores della Conmebol.

Pinola. Aliendro e Quintero

Nel frattempo di ulteriori notizie di mercato, Gallardo si consola per il ritrovato senso del gol dell’Araña e la ripresa fisica di Quintero, che fa ben sperare. Juanfer dovrebbe partire dalla panchina, mentre c’è ballottaggio tra De la Cruz e Esequiel Barco per un posto nella catena di sinistra. Confermati Paradela e Romero, in grande forma dopo l’ultimo turno di Primera, Gallardo dovrebbe giocare con un conservativo 4-4-2.

Possibile formazione River (4-4-2):: Armani; Mammana, Díaz, Martínez, Gómez; Paradela, Pérez, Fernández; De la Cruz/Barco; Álvarez, Romero.

VÉLEZ. Se il River sogna ad occhi aperti al Vélez già i rinforzi sono arrivati. Ha destato particolare stupore l’arrivo del centrale Diego Godin, ex Inter e Cagliari, oltre che alla panterita Bou e il portiere ex sabalero Cochorro Burian. Tre acquisti importanti che alzano il livello tecnico di una squadra come il Vélez, abituato a stupire nel Paese e nel continente.

Il video annuncio di Diego Godin

Senza dimenticare Lucas Pratto. L’Oso è l’ex della contesa, amatissimo dalla tifoseria della Banda per i suoi gol sempre determinanti con la maglia del River ma adorato anche dai tifosi fortineri per l’attaccamento alla maglia. È lui l’uomo da temere di questo Vélez, ancora alla ricerca di equilibri tattici, ma con intatta la speranza di sfruttare al massimo il fattore campo.

Possibile formazione Vélez (4-3-3): Hoyos; Guidara, De los Santos, Gómez, Ortega; Garayalde, Perrone, Soñora/ Bou; Orellano, Pratto, Janson.

Si preannuncia dunque sfida per nulla scontata, tra il Fortín dei giovani promettenti Ortega e Orellano e il Millo dalle solide certezze come Enzo Fernandez e Alvarez. Appuntamento quindi per stanotte, a partire dalle 02:30 sulla piattaforma Dazn, per la prima sfida della serie, raccontata per l’occasione dal maestro dei ‘narratori argentini’, Stefano Borghi. Buone emozioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Libertadores