0 7 minuti 9 mesi

Altre emozioni nella Copa de la Liga Profesional argentina. Nella ‘pareggite’ delle grandi, ne approfittano il Banfield e l’Estudiantes, in vetta nei due gironi.

La quarta giornata della Copa de la Liga è rappresentata dalla doppia sfida tra Boca e River e le due di Avellaneda, Independiente e Racing. Parità e stesso risultato, per un inizio di Torneo ancora in grande equilibrio. Per il resto, si registrano nelle zone alte di classifica le vittorie di Estudiantes, Banfield, Defensa y Justicia e Colon. In crisi il Vélez, alla seconda sconfitta in quattro gare.

Huracán Vélez2-0
Defensa YJ Gimnasia3-2
Platense Banfield0-1
RCentral GodoyC1-2
Colón Barracas2-1
Aldosivi Central CBA0-0
Independiente Boca2-2
Sarmiento Unión2-1
Estudiantes Arsenal3-2
River Racing2-2
Argentinos SanLorenzo1-1
Talleres Newells1-2
Lanús Tigre0-0
ATucuman Patronato1-0

River Plate 2-2 Racing Club

La partita delle due facce: primo tempo millonario, ripresa academica. Questo il sunto del clásico tra River e Racing, che per gli addetti ai lavori doveva essere pura formalità per i ragazzi di Gallardo. Il Racing Club gioca -quasi a sorpresa- la miglior gara dell’era Gago, spaventando e non poco il pubblico del Monumental fino al 90′. Sorprende positivamente a inizio partita il River che non domina, ma si dimostra letalmemte cinico, portandosi in vantaggio con due autentici golazos. Prima la staffilata di Barco, poi la rete di De la Cruz sembrano stendere gli ospiti al tappeto per l’inizio dell’ennesima goleada. Ma nella ripresa accade quello che non t’aspetti. L’Acadé prende possesso del centrocampo e inizia a palleggiare a due tocchi, mentre gli avversari arretrano in maniera preoccupante il baricentro. Al Monumental. Non è il solita serata di festa e se ne accorgono i 70.000 che devono subirsi il gol di Copetti e il pareggio di Miranda che silenzierà definitivamente lo stadio. Il Racing dà una probabile svolta alla stagione, inanellando la seconda vittoria consecutiva. Partita da dimenticare invece per il River che paga oltremodo la serata negativa. Dopotutto, mica le potrà vincere tutte el Muñeco.

Immagine
La classifica retrocessione Promedio

Independiente 2-2 Boca Jrs

Succede di tutto nel Libertadores da America di Avellaneda. Independiente e Boca danno spettacolo con continui colpi di scena che rendono frizzante e sempre viva la sfida. E se non bastano le gesta del campo, a movimentare il contesto ci pensa senza troppi freni il cielo, che nel secondo tempo rende ancora più epica la sfida. Un diluvio universale si abbatte sulla partita dopo la bella doppietta del Pipa Benedetto, e i gol firmati da Togni e Soñora. La partita si interrompe per le numerose piscine d’acqua che nel frattempo si creano sul manto erboso, assieme alle lamentele del Boca, dopo alcuni fischi arbitrali abbastanza discutibili. “Stiamo migliorando” dice Eduardo Domínguez, allenatore del Rojo. “Dopo quattro turni difficili stiamo risalendo. Dobbiamo migliorare, ma oggi le sensazioni sono buone, siamo sulla strada giusta”.

Se c’è soddisfazione nell’ambiente diablos, c’è amarezza al Boca, per una vittoria sfumata nel finale. Sebastián Battaglia non si dà pace: “Gli arbitri sempre contro il Boca. Insaurralde doveva essere espulso e il secondo giallo a Fabra non c’era. Già è complicato, se poi gli arbitri sono questi diventa difficile. Sono umani, ma i loro errori dovrebbero essere non sempre solo contro di noi”. La notizia positiva è il terzo gol in quattro partita del Pipa Benedetto. Esattamente quello che ci si aspettava dal bomber.

Argentinos 1-1 San Lorenzo

Il San Lorenzo interrompe l’emorrargia di sconfitte, soffrendo a la Paternal, ma riuscendo a guadagnare un punto prezioso, che dà morale per le prossime importanti sfide. Per una volta la dea fortuna abbraccia la causa cuerva, dando una grossa mano all’equipo di Pedro Troglio che trova il pareggio attraverso una carambola fortuita. Centurión, al primo gol in maglia cuerva, appare entusiasta: “Ci voleva questo gol. Contento per me e per la squadra. Certo, non possiamo accontentarci di questa prestazione.” Sulla stessa linea appariva l’allenatore, anche lui contento a metà: “Questo punto è utile, ma siamo in un grande club e bisogna vincere. Non sono preoccupato per il momento attuale, sogno che sia l’inizio di qualcosa di importante”. Analizzando più profondamente l’andamento della squadra, ci si rende conto come si sta entrando in quella fase cruciale dove solitamente il Ciclón si ritrova davanti al bivio del semestre. Fino adesso non è stato convincente l’inizio competizione rispetto alle prime giornate delle ultime stagioni, ma paradossalmente, potrebbe andare meglio da qui alla fine della Copa. Insomma, è questo il momento cruciale dove si delinea il resto del semestre. Per questo la prossima sfida col River non lascia troppe buone sensazioni di speranza ai tifosi.

Immagine

Extra

L’Estudiantes continua il periodo d’oro riuscendo a vincere anche contro l’Arsenal de Sarandí. Schierate le seconde linee, el ruso Zielinsky riesce a trovare la quadra del cerchio grazie all’ingresso nel secondo tempo di mr. goleador, Mauro Boselli. All’attaccante bastano 5 minuti per decidere la partita e rimanere in vetta nel gruppo A a punteggio pieno. Ora testa rivolta al ritorno di Copa Libertadores contro l’Audax Italiano. Imperativo è ribaltare l’1-0 che per adesso condanna il Pincha.

Momento magico anche per il pibe Giuliano Galoppo, mezzala del Taladro, che trascina la squadra nella seconda vittoria consecutiva. Grandissima personalità, il ragazzo è dotato di qualità tecniche da futuro Top player.

Crisi totale invece per il Talleres, che segna il primo gol dopo 360 minuti ma perde in casa contro un sorprendente Newells.

Prossimo turno

Immagine

Il prossimo turno si instraderà sulla direttrice Boedo/Parque Patricios. River e Boca affrontano infatti San Lorenzo e Huracan. Curiosità anche per la sfida del risorto Racing contro il deludente Talleres. VelezEstudiantes altra sfida da non perdere! Per il resto, Banfield-Defensa e Tigre-Colon si preannunciano dense di emozioni.


calcioargentino.it

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 0f21a086-584a-45f3-8279-b9378f575238-27492-000011174ea1be5e_file.jpg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Libertadores