2 14 minuti 1 anno

Risultati a sorpresa in questo ultimo turno di Copa de la Liga, come da tradizione del futbol argentino. In ottica qualificazione vincono Velez -che accede matematicamente ai quarti-, Boca, Racing, San Lorenzo, Estudiantes, Talleres e Gimnasia. Ecco come sono andate le cinque grandi argentine, con un occhio anche alle Copas continentali per le squadre che ne faranno parte.

Godoy Cruz Central CBA1-0
Patronato Sarmiento1-0
ArgentinosJ Banfield1-1
Huracán Boca0-2
Unión Independiente0-0
Lanús Vélez1-2
Defensa YJ Arsenal0-1
Racing Colón2-1
River San Lorenzo1-2
AtlTucumán Talleres2-3
RCentral Estudiantes0-1
Platense Aldosivi0-2
Gimnasia Newells2-1
Immagine
Immagine

Situazione ingarbugliata nei due gironi, con soli sei punti a disposizione per continuare a sperare. Tante squadre in corsa. La sensazione è che potrebbero esserci clamorose esclusioni. I prossimi impegni del calendario saranno decisivi.

Union 0-0 Independiente

Immagine

Probabilmente la miglior notizia nel mondo Independiente arriva dal suo allenatore, Julio Falcioni completamente ristabilitosi dopo il periodo trascorso tra le mura di casa, causa Covid. Il Dt, essendo persona molto a rischio dare le pregresse patologie, ha fatto preoccupare e non poco la società e i tifosi dopo l’annuncio della positività al Coronavirus. D’altronde, bisogna per forza trattare argomenti extra calcistici quando si tocca l’argomento Union-Independiente, perchè di per sè la partita è stata abbastanza bruttina. Grazie alle tenebre della notte italiana inoltrata, si rischiava seriamente di cadere tra le ‘braccia di Morfeo’. Detto questo, continua la serie positiva il Rojo, forte anche dopo la preziosa vittoria in trasferta in Copa Sudamericana contro il Deportivo Guabirà di qualche giorno fa, squadra modesta certo, ma ottenuta nella trasferta boliviana dalle mille insidie.

El Chino Romero al termine della gara aveva sensazioni positive: “Abbiamo dominato ma non siamo riusciti a segnare. In ogni momento siamo stati superiori all’Unión, ma penso che oggi abbia influito la stanchezza per il viaggio in Bolivia. Adesso dovremo riprenderci dallo sforzo e concentrarci sulle prossime partite.” Già, perchè per le squadre impegnate nelle Copas saranno cinque settimane di partite ogni tre giorni. Sarà dunque importante cercare un equilibrio mentale e una programmazione fisica adeguata che che permetta di assolvere al meglio le future importantissime sfide.

Argentinos 1-1 Banfield

Immagine

Potremmo parlare dei miracoli a ripetizione dei due portieri, davvero superlativi nei novanta minuti. Oppure dedicarci alle emozioni dei gol in raffica di Avalos all’89’ -seconda rete dopo la storica vittoria Libertadores contro il Nacional-, e di Cruz -gol straordinario- cinque minuti dopo, al 95′, per la prima rete in carriera del pibe. E invece -ahinoi- dobbiamo segnalare il fatto increscioso accaduto al 76′, quando nella locura più total el volante del taladro Mauricio Cuero sputava in faccia al difensore bicho Miguel Torrén. Gesto folle e inaccettabile a prescindere, reso ancor più grave in questo tempo particolare di Covid.

O almeno. E’ quello che si pensava fosse accaduto secondo la ricostruzione dell’arbitro e a seguito dell’espulsione. Ma a partita terminata, il laterale smentiva categoricamente tutto e dava la sua versione su Twitter: “Voglio chiarire cosa è successo oggi in partita. La mia intenzione non era quella di sputare al rivale. Dopo aver ricevuto insulti razzisti volevo solo dirgli che non c’era bisogno di insultarmi in quel modo. In quel momento sputo verso il campo, sul prato. Il giocatore inizia a simulare e l’arbitro si gira e crede alla finzione. Conosco il tipo di persona che sono e con i valori che sono stato cresciuto. Io rimango calmo e con la coscienza serena.” E oscurare il golazo del pareggio taladro al 95’ ce ne voleva davvero.

 River🆚 Junior
 Boca🆚undefined Santos
 Racing🆚Sp. Cristal
 Defensa YJ🆚 Universit
 Central🆚 SLorenzo
 Indepdte🆚 Torque
 Arsenal🆚 Ceara
Lanús🆚 Gremio
 Newells🆚 Libertad
Tolima🆚 Talleres
I prossimi impegni continentali delle squadre argentine

Ti potrebbe anche interessare: Copa Libertadores 2021

River 1-2 San Lorenzo

Immagine

L’arbitro ha appena emesso i tre canonici fischi e le due squadre si avviano verso gli spogliatoi. Sebastián sa di aver fatta ‘sporca’ con i suoi interventi al limite del prodigioso Ma in fondo, dal finale abbastanza scontato, considerando il consueto rito magico del portiere sulle innocenti porte del Monumental. D’altronde i partidazos dell’arquero non sono una novità in questo stadio, ricordando anche la prestazione mostruosa della scorsa stagione, quando, sempre contro il River, parò prima il rigore a Borré e guidò con lo sguardo sul palo quello di Quintero, oltre alle consuete parate al limite. E’ lui il protagonista assoluto in questa notte, per un San Lorenzo che ritrova in lui la saracinesca tanto invocata nelle ultime settimane (ricordate dov’era il club in classifica un mese fa?). Ma non solo lui. Oltre a tutta la squadra, menzione d’onore ai marcatori Uvita Fernandez e a Elias -supercriticatissimo in questo periodo-, oltre che alla gran qualità infusa dai gemelli Romeros, pedine fondamentali nel gioco cuervo. Ma non sono soltanto meriti del Ciclon a far indirizzare nei binari azulgrana la partita. No, c’è anche la consapevolezza River che senza l’assist scriteriato di Enzo Perez e i gol mancati di Santos Borré, forse, poteva essere un’altra partita.

La nota positiva per i padroni di casa che abbaglia è l’ennesima prova di forza del pibe Girotti, che segna ancora dopo poco il suo ingresso in campo, regalando alla causa millonaria il settimo gol in sei partite. Numeri da record per il futuro nueve di belle speranze che il River sta preziosamente coltivando. Se Gallardo preferisce non parlare ai giornalisti disertando a fine gara la conferenza stampa, Diego Dabove non nasconde la soddisfazione. La prima forse, da quando è arrivato nella calda piazza di Boedo: “L’impegno, lo sforzo e l’efficacia sono stati fondamentali contro un avversario straordinario, di grande complessità. L’importanza di Torrico non la scopriamo ora… se lo merita.” Ed infine un plauso alla squadra, finalmente unita: “Stiamo andando bene, stiamo crescendo. Sottolineo l’ordine e la dedizione della squadra. Potrebbe chiaramente essere la partita migliore per la sua importanza. Partiamo felici e contenti per la vittoria”.

Prossimi turni:

GRUPPO B12^giornata13^giornata
Vélez pt 25Patronato (C)Gimnasia (T)
Boca 19Lanus (C)Patronato (T)
Talleres 19Huracan (C)Lanus (T)
Indepdte 17Atl Tucuman (C)Huracan (T)
Lanús 16Boca (T)Talleres (C)
Unión 15Defensa YJ (T)Colon (T)
Gimnasia 14Sarmiento (C)Velez (C)
Prossimi turni in Copa de la Liga. Velez già matematicamente qualificato. Salgono le prime quattro.

Huracan 0-2 Boca

Immagine

Si sfregano le mani i tifosi Boca, increduli di poter celebrare la terza vittoria consecutiva tra Copa de la Liga e Libertadores. Ma soprattutto esterefatti dal secondo gol consecutivo del ‘nueve‘ Boca, quel Franco Soldano fino all’altro giorno oggetto misterioso in panchina. Non solo la vittoria e il gol ma anche la prestazione, finalmente all’altezza delle aspettative, maturata per giunta, dopo le fatiche dell’altura e in un campo mai semplice come quello di Parque Patricios. Ancora c’è da lavorare per quanto riguarda un gioco che soddisfi l’aspettativa dell’impegnatico nome ‘Boca’ ma l’atteggiamento visto nelle ultime tre partite è quello giusto e fa ben sperare. E’ il contropiede l’arma del Boca: ripartenze veloci esaltano le qualità di Villa e Fabra, autentici centometristi.

Ma la novità della partita Xeneize si chiama Cristian Pavón, el volante convocato dopo quasi due anni di distanza dall’ultima volta. El Kitcha addirittura esordisce giocando gli ultimi 25 minuti. E a fine partita sembra anche appagato: “Sono molto contento tornare a giocare, è quello che volevo. Sono stato fermo a lungo a causa dell’intervento chirurgico. Oggi ho dovuto fare di nuovo il mio debutto. Quando attraversi queste situazioni, hai voglia di giocare, dato che non lo faccio da molto tempo”. Se Pavon è felice di ricalcare i campi, Miguel Russo è raggiante per i tre punti conquistati, ma un pò meno per il poco tempo a disposizione tra una partita e l’altra, soprattutto per la programmazione del torneo locale che non sempre tiene in considerazione gli impegni internazionali: “Non è semplice giocare tra Copa de la Liga e Libertadores con così poco tempo di recupero, sono dettagli che devono essere programmati prima. Costa molto viaggiare, non è una cosa semplice. Siamo esseri umani, è uno sforzo e uno stress altissimo”.

Prossimi turni:

GRUPPO A12^giornata13^giornata
Colon pt 21Arsenal (C)Union (C)
Estudiantes 19Platense (T)Argentinos (T)
River 18Banfield (T)Aldosivi (C)
S.Lorenzo 18Godoy Cruz (C)Racing (T)
Racing 18Central CBA (T)S. Lorenzo
Central 15Newells (C)Platense (T)
GodoyCruz 15S Lorenzo (T)Banfield (C)
Ancor più incertezza nel grupp A. Chi entrerà nei primi 4 posti?

Racing 2-1 Colon

Immagine

Racing-Colon era senza dubbio una delle partite più interessanti dell’Undicesima giornata. Al Cilindro arrivava il Colon capolista quasi matematicamente qualificato, con la presenza in squadra del Pulga Rodriguez, finalmente ‘a pieno regime’ dopo la recente positività Covid. Di contro, c’era un Racing ancora in precarie condizioni morali, dopo il deludente pareggio in Libertadores di qualche giorno prima contro il Rentinas (squadra davvero modesta) rischiando oltre misura la capitolazione. La sfuriata del Dt Pizzi negli spogliatoi a fine gara -particolare che si verrà a sapere solo giorni dopo-, aveva lasciato il segno nell’equipo, ancora scosso dall’ultima sconfitta in Copa de la Liga contro l’Arsenal de Sarandí. Ambiente denso di tensione quello ‘academico’ come da verdadera tradicion. Nonostante il contesto complicato scattava una molla nella testa dei giocatori che come non mai prima apparivano adeguati all’impegno. La prima mezz’ora del Racing faceva intravedere una svolta: per la prima volta si notava un atteggiamento diverso dal solito, un convincente approccio nella miglior partita giocata di questo semestre. Lovera, il valore aggiunto, si caricava la squadra sulle spalle, risultando onnipresente su ogni parte del campo e determinante in ogni proposizione offensiva.

Elementi preoccupanti per l’hincha de Racing, considerando la mala onda, che sfociavano nelle più classiche delle conseguenze: era il Colon a passare in vantaggio con il solito Pulga che segnava di testa.. senza saltare. Paradosso dei paradossi, considerando la statuta del Diez (si chiamerà pulga per un motivo?), per questa squadra che non conosce limiti in fatto di situazioni ‘particolari’. La novità che emergeva come detto prima, riaffiorava anche nel momento particolare della necessità: l’Academia tornava in attacco a testa bassa e riusciva a pareggiare pochi minuti dopo con un bel diagonale di Ignacio Piatti al 46′. E forse sono proprio i minuti di recupero gli alleati migliori dell’Acadé in questo periodo, considerando el clasico de Avellaneda, la trasferta contro Rentistas e il gol vittoria al 93’ del pibe Cáceres. E forse lo sono anche le decisioni arbitrali a favore, dato che la rete del successo arrivava in una palese situazione di fuorigioco. Un’altra volta dopo il clasico.

Tutti i gol dell’11^giornata

Lanus 1-2 Velez

Immagine

E’ una settimana speciale per Fede Mancuello, centrocampista Velez, rilanciato solo da settimana scorsa nella squadra titolari. Decisivo nella rete di sette giorni fa contro il Lanus; protagonista -in negativo- mercoledì col Flamengo nell’espulsione rimediata e determinante domenica nel vantaggio e nell’assist a De los Santos. Il risultato che consegue per il club di Liniers è la classificazione matematica alla seconda fase con due giornate di anticipo. Con il dt Pellegrino che a fine gara può finalmente ‘sbottonarsi’ e presentarsi in conferenza stampa più rilassato: “È una grande soddisfazione per tutto il Vélez qualificarsi due giornate della fine. E’ un risultato importante che ci dà tranquillità per continuare a lavorare su un programma molto serrato. Dobbiamo continuare a migliorare perché le partite che verranno saranno sempre più difficili e saranno definite dai dettagli “.

Le prossime partite per il Velez saranno davvero fondamentali per il proseguo in Libertadores nel girone forse più duro della Libertadores. Data la qualificazione in tasca tutte le energie ora saranno rivolte alla prossimo impegno contro il LDU Quito, crocevia importante per la classificazione agli ottavi. Dopo la sconfitta contro il Flamengo ci si aspetta almeno un punto dall’altura ecuadoregna, contro una squadra più modesta a livello tecnico, ma forte della condizione ambientale a loro più abituale.

Immagine
La classifica marcatori: el Pulga Rodriguez raggiunge Santos Borré, a secco.

Ti potrebbe anche interessare: Copa Sudamericana 2021

Extra:

Prossimo turno:


Penultimo turno del torneo con i punti che ora valgono virtualmente doppio. Salta subito agli occhi il Clasico rosarino tra Central e Newells, decisivo soprattutto per le Canallas, in piena corsa qualificazione. Il River va a Banfield in una gara che si preannuncia incandescente; BocaLanus altra sfida spareggio. IndependienteAtl. Tucuman e DefensaUnion sfide interessanti.


calcioargentino.it

2 commenti su “Il racconto dell’11^ Giornata

  1. Greetings! I’ve been following your site for a long
    time now and finally got the courage to go
    ahead and give you a shout out from Austin Tx!
    Just wanted to say keep up the good job!

  2. Pretty portion of content. I just stumbled upon your blog and in accession capital to assert that
    I get actually loved account your blog posts. Anyway I’ll be subscribing
    on your augment and even I success you get admission to
    consistently rapidly.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Libertadores