0 5 minuti 1 mese

Passa veloce il treno del turno infrasettimanale. Nella nona giornata di Copa de la Liga c’è da segnalare il crollo casalingo del lanciatissimo Racing per opera del Sarmiento. Battuta d’arresto anche per il Boca nella trasferta di Santa Fé, mentre sono le polemiche arbitrali a prendersi la scena in Barracas-Independiente. Tra le Cinco Grandes solo il River riesce ad ottenere gli agognati tre punti. Rimandata la gara del San Lorenzo per impegni continentali del Godoy Cruz.

9^ giornata

River Plate-Ind. Rivadavia 2-0

Il River risorge dai quattro pareggi consecutivi battendo col minimo scarto un Independiente Rivadavia, totalmente inadatto a mantenere in categoria. L’aspetto più positivo che tranquillizza il Monumental è il ritorno in campo, e la conseguente doppietta, del Colibrì Borja che risolve da solo il match e fa dimenticare le difficoltà appena vissute. Indifferenza o addirittura fischi a Demichelis alla presentazione delle formazioni, che confermano un periodo di pausa nell’amore tra il tecnico e la tifoseria millonaria. Nonostante il turno infrasettimanale, lo stadio è pieno e il Dt non perde occasione per ‘lisciare il pelo’ ai tifosi: “Dobbiamo ringraziare i tifosi che hanno riempito nuovamente lo stadio in un mercoledì di lavoro. Grazie a tutti i tifosi del River per il loro supporto”.

Barracas-Independiente 2-2

Giornata infernale per l’Independiente che fa esplodere la bomba ad orologeria delle polemiche arbitrali dopo le dichiarazioni di Tevez che fanno il giro del mondo. Ormai è una crociata di Carlitos nei contronti dell’associazione arbitri di Beligoy, la quale non perde tempo per denunciare penalmente le parole al vetriolo dell’Apache. E la prossima sarà contro il River, la madre di tutti gli scandali arbitrali dopo il famoso fallo di Pinola mai fischiato nei quarti di Copa Libertadores 2018. State pur certi, ne vedremo ancora delle belle.

Racing Club-Sarmiento 0-1

Il Racing perde clamorosamente in casa contro il Sarmiento dell’ex Licha Lopez e vanifica quanto di buono costruito in queste prime giornate. Soprattutto a livello di aspettattive e speranza. Ci pensa infatti un golazo di Fernando Godoy a sbancare nientemeno che il Cilindro de Avellaneda e per far tornare la voglia ai 40.000 presenti di fischiare la squadra al triplice fischio. Per l’Acadé gioca un ruolo fondamentale la sfortuna dopo il rigore malamente sbagliato da Quintero e le parate miracolose di Monetti, che diventerà ‘figura del partido’ nonostante la pioggia di improperi che gli arrivano dalle tribune. “Non bisogna perdere la calma”, dice un deluso Dt Costas al termine della partita. “Fa male questo risultato, dobbiamo rialzarci in fretta perché domenica abbiamo un’altra finale (vs Boca) e dobbiamo arrivarci nel migliore dei modi”.

Unión-Boca Juniors 1-0

Dopo l’exploit di qualche giorno fa di Cavani, il Boca torna a fare il Boca, deludendo le aspettative e arrancando contro la Unión nella trasferta di Santa Fé. Manca del tutto il centrocampo al Xeneize, impossibilitato a contenere le folate dei padroni di casa e incapace di costruire qualcosa che si chiami transizione o verticalizzazione. Troppo discontinuo Pol Fernandez per assumersi la responsabilità della cabina regia; troppo discontinuo Medina; troppo stanco Merentiel, dopo un periodo a mille da qualche tempo a secco di benzina. Il Boca perde per il gol di Corvalan al 90′ ma alza bandiera bianca già dall’ingresso in campo, a causa del nulla assoluto che propone in campo Diego Martinez, il nuovo profeta in patria, che fino ad ora non ha convinto. E c’è chi invoca addirittura el Tano De Rossi per uscire dalle sabbie mobili. D’altronde, tutto normale essere dietro a Instituto e Barracas in classifica?

Le Altre

Stop a sorpresa anche per l’Estudiantes: il gol dell’ex Pellegrino gela La Plata.

?!?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Libertadores