2 4 minuti 11 mesi

Serata amara nel Estadio Bicentenario di San Juan. L’avventura giovanile della Albiceleste si ferma prima del previsto agli ottavi di finale per demeriti propri e per una Nigeria estremamente pragmatica e chirurgica. Non basta una supremazia territoriale quasi totale e i ventisette tiri totali; la squadra africana colpisce nei momenti giusti della gara e passa il turno.

Doveva essere il trampolino di lancio verso un nuovo sogno chiamato mondiale, organizzato, per giunta, tra le mura di casa. Si è dimostrato invece un papelón di dimensioni incalcolabili. L’Argentina delude le aspettative e saluta la Copa del Mundo tra la delusione generale.

Si parte dalle scelte di Mascherano che premia le ultime prestazioni di Luka Romero, Federico Redondo e Tomas Aviles, che vincono i ballottaggi rispettivamente con Soulé, Perrone e Di Lollo. La Selección interpreta bene la prima parte di gara con le conclusioni di Romero, Carboni e Véliz, imprecise però dal punto di vista realizzativo.

Se c’erano buone sensazioni dopo i primi quarantacinque minuti, la ripresa si apre traumaticamente con la traversa di Nasi, prima della doccia gelata del minuto 61: Ibrahim Muhammad in area elude l’intervento difensivo di Aviles e del portiere Gomez Gerth, depositando la palla in rete tra l’incredulità generale. Mascherano, per ovviare all’improvviso blackout, butta nella mischia Gauto (Aguirre), Maestro Puch (Aviles) e Infantino (Carboni) cercando la ‘remuntada’ con un più audace 3-3-4, ma l’imprecisione di dimostra una volta in più il nemico peggiore di questa squadra.

Si spiega così l’improduttivo assalto finale e il clamoroso palo colto da Romero che fa strozzare l’urlo in gola ai 30.000. E nel momento di maggior sforzo arriva il raddoppio nigeriano che ‘spezza’ definitivamente le gambe alle speranze albicelestes. Non bastano otto minuti di recupero, la Sub-20 esce dalla competizione anzitempo dopo aver ‘ilusionato’ nella prima fase a gironi.

Sconfitta che brucia anche per la consapevolezza di aver mandato in fumo un’occasione più unica che rara. La Nigeria passa dunque il turno e nei quarti di finale se la vedrà con la vincente di Ecuador-Corea del Sud. Per l’Argentina invece è già tempo di bilanci e processi nazionali, con Mascherano, di nuovo sulla graticola, che probabilmente si appellerà (di nuovo) alla clemenza federale.

Argentina U20 – Nigeria U20 0-2

MARCATORI: 61′ Ibrahim Muhammad (N), 90+1 Rilwanu Sarki (N)

ARGENTINA U20 (4-3-1-2): Federico Gomes, Agustín Giay (C), Valentín Barco, Tomás Avilés (75), Diego Gomez, Federico Redondo (45‎+‎1)‎, Brain Aguirre (65‎)‎, Mateo Tanlongo, Valentin Carboni (75‎)‎, Luka Romero, Alejo Veliz.
A disposizione: Nicolás Cláa, Lucas Lavagnino, Lautaro Di Lollo, Román Vega, Gino Infantino (75‎), Ignacio Miramon, Maximo Perrone, Juan Gauto (65)‎, Ignacio Maestro Puch (75‎), Matìas Soulè.
All. Javier Mascherano

NIGERIA U20 4-3-3: Chijioke Aniagboso, Daniel Bameyi (C), Solomon Agbalaka, Benjamin Fredrick, Abel Ogwuche, Daniel Dag, Samson Lawal (90‎+‎4‎’), Tochukwu Nadi (90‎+‎4‎’‎), Salim Lawal (57‎), Ibrahim Muhammad (79‎) Jude Sunday (57)‎‎.
A disposizione: Nathaniel Nwosu, John Utoblo, Israel Domingo, Augustine Njoku, Ibrahim Abdullahi, Victor Ehuwa Eletu (79‎), Joshua John (90‎+‎4)‎, Umeh Emmanuel (57‎), Kahinde Ibrahim (90‎+‎4‎), Rilwanu Sarki (57‎).
All. Ladan Bosso

AMMONITI: Federico Redondo 45‎+‎1‎’ (A), Gino Infantino ‎90‎+‎3‎’ (A), Diego Gomez 90‎+‎8‎’ (A).

2 commenti su “Mundial Sub-20: delude l’Argentina, ai quarti ci va la Nigeria

  1. Have you ever thought about publishing an e-book or guest authoring on other websites? I have a blog centered on the same subjects you discuss and would really like to have you share some stories/information. I know my visitors would value your work. If you are even remotely interested, feel free to send me an e-mail.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Libertadores