0 4 minuti 3 mesi

Clamoroso a Cordoba. Nella prima semifinale di Copa Argentina l’Estudiantes de La Plata ottiene una vittoria fondamentale per 3-2 in rimonta contro il Boca Juniors, staccando così il biglietto per la finalissima della competizione. Dramma al Boca per una situazione ormai quasi ai limiti della catastrofe sportiva: oltre al danno dell’eliminazione c’è pure la quasi matematica beffa di non giocare la prossima Copa Libertadores. Ma andiamo con ordine.

Senza Cavani infortunato, il Dt traghettatore Herrón schiera una sorta di 4-3-1-2 con Bullaude alle spalle dei terminali offensivi Merentiel e Janson. Il Pincha risponde con un 4-4-2 abbastanza coperto, ma letale grazie alla fame di gol dei goleador Carrillo e Boselli che si alternano nei due tempi. Ed è proprio l’ex attaccante del Monaco che dopo 3 minuti trafigge di testa in modo splendido el Chiqui Romero dopo una progressione devastante del terzino destro Godoy. Vantaggio Estudiantes e come se non bastasse, appena dieci minuti dopo il Boca rimane in 10 per l’espulsione di Saracchi dopo una reazione inappropriata.

Ma se il tifoso pincha pensa di averla già vinta deve fare i conti con la ’Bestia’ Merentiel. L’uruguayo è lesto ad approfittare dell’indecisione del centrale Zaid Romero e freddare Andújar al limite dell’area, come lo è altrettanto dieci minuti dopo, grazie all’incursione in area di Bullaude, finalizzata dallo stesso uruguayo con una rete da bomber consumato. Fine primo tempo e Boca in inferiorità numerica avanti 2-1. Increible al Kempes.

Nella ripresa il tecnico dell’Estudiantes, Eduardo Domínguez, schiera una difesa a tre con l’ingresso della punta Mendez al posto del volante Zapiola e Mauro Boselli in sostituzione di Carrillo. L’ex Genoa ci mette solo 50 secondi per timbrare il cartellino e rimettere in parità il punteggio in una gara dai continui colpi di scena.

Al 64’ la remuntada si completa grazie alla complicità della difesa xeneize: nel tentativo di rilanciare fuori area Marcos Rojo calcia contro il suo compagno Barco, con Boselli, che è ancora una volta lesto e letale nel mettere in rete, dopo la carambola sfortunata di Figal. È il definitivo 2-3.

Il Pincha conserva il vantaggio con le unghie fino al 90’ nonostante gli ingressi disperati nel Boca di Benedetto, Medina e Langoni. L’Estudiantes è la prima finalista di Copa Argentina e affronterà in campo neutro la vincente tra San Lorenzo e Defensa Y justicia in programma stanotte. Incredulità nel Boca dove i tifosi vedono sfumare l’ennesimo obiettivo e la quasi completa impossibilità di partecipare alla prossima Copa Libertadores attraverso la vittoria in Copa Argentina: attulamente in settima posizione, occorrerebbero infatti una serie di miracoli nell’ultima giornata di Copa de la Liga per terminare nelle prime quatro posizioni nella Classifica General.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Libertadores