0 4 minuti 3 settimane

Le voci dei due allenatori al termine del Superclásico.

Gallardo probablemente se l’aspettava diversa. Dopo le dichiarazioni della vigilia e la sorpresa tattica svelata pochi minuti prima del match i bookmakers si erano schierati per un probabile colpazo millonarios. Non è andata così. Anzi, è stato il Boca a dare l’impressione di poterla vincere.

Si presenta teso, comprensibilmente deluso el Muñeco al termine del match nelle sale interne alla Bombonera: “Un dettaglio su calcio piazzato ha determinato l’esito della partita” inizia, facendo intuire il resto delle dichiarazioni. “Ai punti vincevamo noi il primo tempo, mentre loro, penso, il secondo. Credo sia stato un match abbastanza equilibrato per entrambe le squadre”.

TATTICA. “Avevamo impostato il gioco partendo dal basso e attaccando sulle due fasce. Nella ripresa abbiamo cambiato sistema, ma ripeto, è stata molto una partita equilibrata, decisa da un singolo dettaglio”.

MANCATA REAZIONE. “Il loro gol è stato un duro colpo, non abbiamo avuto quel coraggio per andare alla ricerca del pareggio, ed è la cosa che ci fa più male. Nonostante l’impostazione d’attacco abbiamo creato un pericolo con Mammana. Non abbiamo potuto giocare come volevamo e dobbiamo prenderci le nostre responsabilità“.

RISALITA. “Non è questione di schema nuovo (difesa a 5), ho giocatori intelligenti per giocare in qualsiasi sistema tattico. Volevamo cambiare e sorprendere l’avversario ma non ha funzionato. Questo risultato può influire dal punto di vista sul morale della squadra; dobbiamo cercare di uscirne tutti insieme velocemente. Per fortuna mercoledì si torna a giocare, avremo la possibilità di riscattarci. La Primera? Continueremo a lottare perché ci sono tante squadre in pochissimi punti”.

Di tutt’altro umore Hugo ‘el negro’ Ibarra, alla sua prima esperienza in assoluto nel Superclásico come allenatore de Primera e in prima squadra del Boca. Raggiante, sorridente ed orgoglioso, Ibarra riesce al primo colpo a vincere dove altri Dt (soprattutto contro Gallardo) hanno fallito.

SUPERIORITÀ. “Abbiamo vinto un Superclasico che forse per molti non è stato giocato bene”, dichiara Ibarra al termine della partita. “Ma siamo stati così superiori al River che abbiamo creato quasi tutte le situazioni da gol. Usciamo da questa partita continuando a lottare per il campionato. Siamo stati chiari sul fatto che il River potesse sorprenderci, ma eravamo convinti di come giocare la nostra partita. E lo abbiamo fatto vedere sul campo, tanto bene, che il River ha dovuto fare tre cambi all’intervallo”.

PRETATTICA . Poi, rispondendo a Gallardo, sul fatto che il River avrebbe giocato agevolmente alla Bombonera: “Queste sono le dichiarazioni di Marcelo, lo stimo molto. Ma oggi siamo stati noi a nostro agio, sul nostro campo e con i nostri tifosi. Non ero preoccupato di non sapere la squadra del River. El clásico è partita a sè. È stata una partita difficile, combattuta, ma abbiamo avuto il controllo per la maggior parte dei 90 minuti. Con questa vittoria lotteremo fino alla fine

2023? “Io vado avanti partita dopo partita, dando tutto per questo club. Amo questo club, lo sanno tutti e farò tutto il possibile per condurlo al successo. E non penso al rinnovo, sinceramente, non ci penso. Penso piuttosto al Lanús, la prossima partita tra tre giorni. Non sarei più l’allenatore che sono se dovessi pensare all’anno prossimo. Meglio concentrarsi partita per partita”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Libertadores