0 5 minuti 1 mese

Nell’ultima noche de Copa della prima fase arrivano le ultime emozioni. Il Boca vince e passa da prima grazie ai boliviani che fermano il Corinthians. Impresa anche del Tatengue che sbanca Barranquilla e si qualifica alla seconda fase. E’ serata tristissima invece ad Avellaneda, con il Racing che perde inaspettatamente e viene eliminato dal River Plate..uruguayo.

Boca Juniors-Deportivo Cali 1-0

Altra notte di un certo spessore emotivo a la Republica de la Boca. Esplode la Bombonera quando al 44′ arriva la notizia del pareggio boliviano del Always Ready contro il gigante Corinthians a San Paolo. Ora al Boca servirebbe la vittoria per salire addirittura al primo posto del gruppo. Ed è delirio quando, dieci minuti dopo, el Pibe Varela segna il suo primo gol continentale, regalando il tanto atteso vantaggio bostero. Esulta Battaglia, esultano i giocatori, se la ride Riquelme e ‘orgasmano’ i 50.000 del Templo, quando al 90′ l’arbitro decide di porre fine alla partita. Non cambia (clamorosamente) il risultato in Brasile e allora c’è la conferma definitiva: il Boca Juniors accede agli ottavi di finale come prima classificata del girone. Un sollievo del mundo xeneize dopo i primi passi falsi nel torneo. E’ tornata la pace per una notte a la Boca.

Sebastian Battaglia, Dt Boca: “La verità è che dopo questa partita, con gli obiettivi raggiunti, ci si sente appagati. Il target in questo club è sempre molto alto, ma siamo sempre stati uniti per adempiere al nostro dovere. Per arrivare a questo bel finale abbiamo lavorato molto, magari con alti e bassi, sempre convinti però di quello che volevamo fare. I detrattori? Lavoriamo per raggiungere gli obiettivi e oggi sono stati tutti raggiunti. Non ho niente da dire a loro, lascio parlare i risultati”.

Racing Club-River Plate (Uru) 0-1

Doveva essere una passeggiata per la Gagoneta conquistare un punto contro la cenerentola River Plate de Montevideo ed invece si trasforma in psicodramma l’ultimo impegno della fase a gironi. Gelo al Cilindro quando al triplice fischio quando i tifosi realizzano la clamorosa sconfitta, correlata con l’incubo dell’eliminazione. Il Racing Club saluta la Copa Sudamericana anzitempo nonostante i favori del pronostico, dopo aver disputato settanta minuti di attacco. Nei venti lasciati ‘scoperti’, gli uruguayi ne approfittano segnando con Salaberry e poi rintanandosi in difesa. C’è l’assedio finale dell’Academia all’arma bianca ma risulterà inutile ai fini del risultato. Il Racing Club è eliminato dalla competizione continentale. Ammutulita Avellaneda.

Fernando Gago, Dt Racing Club: “E’ difficile fare un’analisi della partita con la rabbia e il dolore di essere stati eliminati. Abbiamo avuto molte situazioni da gol per andare in vantaggio. E’ un peccato concludere così un semestre positivo, questo è un gruppo e tiriamo tutti per la stessa direzione. Siamo una squadra e dobbiamo tutti ammettere le nostre responsabilità, perché siamo tutti imputabili di questa sconfitta”.

Junior-Unión 0-4

L’Unión fa l’impresa. Il Tatengue sbanca nientemeno che Baranquilla e rifila un pesantissimo 4-0 al Deportivo Junior, conquistando i punti necessari per la qualificazione agli ottavi di Copa Sudamericana. Sfoggia il vestito migliore il Tate che in Colombia gioca con grande personalità e legge perfettamente ogni momento della partita. Figuras del partido il portiere Mele, al suo secondo rigore parato dopo quello del Maracaná e Alvez, autore di un gol sublime e di una prestazione di sacrificio in mezzo al campo. L’Unión accede alla seconda fase eliminando le favorite Fluminense e Junior. Dopo l’impresa del Colón è festa anche per l’altra metà di Santa Fé.

Gustavo Munúa, Dt Unión: “Voglio congratularmi con la squadra, siamo tutti orgogliosi di questi giocatori. Sono ragazzi giovani che stanno crescendo bene e compiendo passi da gigante, meritando questa gioia. I ragazzi sono stati all’altezza del loro compito e hanno gareggiato alla pari contro due equipazos come Fluminense e Junior. Oggi, dopo il rigore parato da Santi (Mele), la squadra è cresciuta piano piano e ha saputo governare la partita. Ora non ci accontentiamo, sappiamo cosa siamo capaci di fare. Bisogna ripartire da questa conquista, per migliorarci smpre più”.

Diretta.it

calcioargentino.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.