0 3 minuti 8 mesi

Congedo perfetto in patria per la Scaloneta di Messi che nella notte supera agevolmente anche l’esame Venezuela per 3-0 nella penultima giornata di Eliminatorie Mondiali per Qatar 2022. La Bombonera fa il suo dovere scaldando l’ambiente mentre Messi fa il Messi, inventando fútbol e siglando il gol finale che manda in delirio la cancha de Boca.

Scaloni deve fare bel viso a cattivo gioco di fronte ai dodici indisponibili, ma non si nota la differenza sul campo grazie all’impegno mostrato dai subentranti. Bisogna attendere 35 minuti di prove generali prima del gol che apre la strada alla goleada. Gran passaggio di MacAllister, centro di De Paul e tap-in di Nico Gonzalez che torna titolare dopo la trasferta nel deserto di Calama. Argentina in vantaggio. Lo Bombonera explota.

Nella ripresa Leo Scaloni mischia le carte in attacco. Entra Ángel Correa al posto dell’omonimo Tucu, ma è con Di Maria -out Mac Allister- che inizia lo show e il gran finale. L’ingresso del Fideo ha un’azione tanto devastante per gli avversari quanto rigenerante per la squadra, soprattutto per il compagno parigino Messi che si illumina d’immenso e inizia a cambia marcia.

Dopo nove minuti l’apoteosi. Passaggio filtrante di De Paul per Angelito che si ‘beve’ la difesa e deposita in rete ‘picando la pelota‘ come da suo marchio di fabbrica la palla. Golazo clamoroso per un giocatore ormai indispensabile per la Selección.

Il 3-0 sarà poi lavoro del capitano che finalizzerà al meglio il passaggio l’assist dell’illuminato Di Maria. Si terminerà tra canti e balli una serata autunnale pressochè perfetta, nonostante la pochezza tecnica del Venezuela. A poche partite dal mondiale, l’Argentina rinsalda il legame a doppio filo con il popolo in attesa delle emozioni mondiali.

Continua il momento magico della Scaloneta che raggiunge le 30 partite di imbattibilità. Prossimo appuntamento? Martedì notte, contro l’Ecuador già qualificato. Dove presumibilmente mister Scaloni potrà finalmente divertirsi con i giovanissimi convocati.

calcioargentino.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Libertadores