0 6 minuti 5 mesi

Tutto quello che è successo nell’ultima doble fecha di qualificazioni mondiali sudamericane. Prima del gran finale.

Il turno di Qualificazioni Mondiali CONMEBOL ci ha regalato molte conferme e qualche sorpresa: se Brasile e Argentina continuano decise il loro percorso nonostante il biglietto per il Qatar già in tasca, infatti, alle loro spalle è una corsa ad ostacoli per i rimanenti 3 posti (2 di qualificazione diretta + 1 allo spareggio intercontinentale).

Il Paraguay dice addio al Mondiale dopo il pesante 0-4 subito contro i Verdeoro e fallisce la terza qualificazione di fila: la squadra che arrivò ai quarti di finale è un lontano ricordo. Serve un miracolo alla Colombia, che non segna da 7 giornate e che, con sole 3 vittorie nel girone di qualificazione, è sull’orlo del baratro. Gioisce a metà l’Ecuador: con una vittoria contro il Perù avrebbe potuto festeggiare la qualificazione anticipata; il pareggio tiene in vita la Blanquirroja, che può ancora sperare di agguantare un posto utile in classifica. Cile ormai lontano e praticamente condannato.

Impresa del Perú che fa l’impresa e vince in Colombia. Poi sarà pari in casa con l’Ecuador del Lechuga Alfaro.

L’Argentina si avvicinava a questo doppio impegno con una rosa parzialmente rimaneggiata: tra infortuni e Covid erano parecchie le assenze rispetto alla precedente lista di convocati, una su tutte Lionel Messi, con la Pulga costretto a saltare per la prima volta una convocazione in Nazionale. Anche Lionel Scaloni e Pablo Aimar, CT e vice della Selección, hanno dovuto dare forfait: risultati positivi al Coronavirus, hanno rinunciato alla trasferta in Cile, sostituiti da Walter Samuel e Roberto Ayala.

Ciononostante, la Scaloneta ha portato a casa due vittorie (1-2 vs Cile e 1-0 vs Colombia), mettendo in mostra cose interessanti sia a livello di singoli che di squadra, aspetto non così scontato considerando che sista giocando a qualificazione già acquisita. Le due affermazioni consentono all’Albiceleste di estendere il suo periodo di imbattibilità a 29 partite consecutive, più lunga striscia positiva in corso (al 1° posto l’Italia con 37 tra 2018 e 2021) nonché seconda della storia dell’Argentina (comanda Alfio Basile con 31 tra 1991 e 1993). Lionel Scaloni, inoltre, con la vittoria contro i Cafeteros è diventato il primo CT argentino ad aver battuto in partite ufficiali e nei 90’ tutte e 10 le nazionali CONMEBOL.

Questa la situazione dopo la 16ª giornata.
Si ripartirà da qui a marzo

Ragionando sui singoli, al netto della mancanza di Messi, l’anima di questa Selección è rappresentata dal triangolo Emiliano MartínezÁngel Di María-Lautaro Martínez, che non hanno sprecato l’occasione per mettersi in luce, a maggior ragione vista l’assenza del n°10.

Pochi gli aggettivi rimasti per definire il portiere dell’Aston Villa, protagonista di un biennio magico: gigante tra i pali, personalità esuberante e nessuna paura della pressione prima, durante e dopo i 90’ di gioco.

Il Fideo, chiamato a fare da capitano e trascinatore in questa doble fecha, ha messo in mostra la sua versione deluxe: gol da cineteca col Cile, prestazione incredibile anche in casa contro la Colombia, a dimostrazione che la sua storia in Nazionale è stata più avara di soddisfazioni di quanto avrebbe meritato.

Per quanto riguarda il Toro, molti credevano si sarebbe risparmiato in ottica Inter: così non è stato, e con 2 gol in 2 partite Martínez ha raggiunto quota 19 reti in Nazionale, confermandosi sempre di più come miglior marcatore della gestione Scaloni ed iniziando a scaldare i motori per il Mondiale, dove i gol peseranno molto di più.

L’attimo prima del gol contro la Colombia. Lautaro Martinez risulterà decisivo nel doppio turno.

Anche a livello di gruppo, però, questo turno di Eliminatorias ha dato importanti risposte: la difesa, fortemente colpita da defezioni causa infortuni, contagi, squalifiche e quant’altro, ha retto egregiamente nonostante i tanti cambi tra i due impegni, con Lisandro Martínez sugli scudi ed Acuña tirato a lucido. A centrocampo, grande dimostrazione di attaccamento alla maglia da parte di Guido Rodríguez che, negativizzatosi tra un match e l’altro, si è sobbarcato un volo intercontinentale per poter scendere in campo contro la Colombia vista la squalifica per somma di ammonizioni a Paredes. Infine, menzione d’onore per Papu Gómez, chiamato agli straordinari nel ruolo di mezzala ed autore di due ottime prestazioni.

Se proprio vogliamo trovare un neo a quest’Argentina, lo possiamo cercare nel reparto avanzato: ci si aspettava un minutaggio importante per Ángel Correa e Paulo Dybala, che però non è arrivato. Lo juventino, visto all’opera contro i Cafeteros, è parso mentalmente scarico, mentre il Colchonero è sceso in campo addirittura dopo il redivivo Maxi Meza. La scelta del parco attaccanti sarà un bel rompicapo per Scaloni, ma fortunatamente avrà parecchi mesi per rifletterci.


calcioargentino.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.