0 3 minuti 12 mesi

11esimo risultato utile consecutivo di una squadra che non smette di sorprendere.

Il Defensa y Justicia non è più solo una meravigliosa favola, bensì una certezza e una costante ben viva del calcio argentino.

Gran parte del merito è del suo allenatore, il rosarino Sebastián Andrés Beccacece, che già da diverso tempo, sta portando la sua squadra a risultati straordinari.

La squadra di Florencio Varela, ha smesso di essere soltanto il luogo che offre la possibilità a chi non trova spazio nel proprio club, di mettersi in mostra, (come disse proprio l’allenatore del Halcòn ai microfoni di ESPN prima di Boca-Defensa del 15 settembre). Dopo quella partita, Defensa y Justicia ha perso solo una partita, in casa del San Lorenzo, per proseguire poi con una serie di 11 partite consecutive senza mai perdere, dominando il gioco, con un calcio prettamente offensivo, ma anche equilibrato.

La grande capacità di Beccacece è stata quella di “rubare” idee calcistiche da altri allenatori (uno su tutti Sampaoli) mettendoci però del suo, bilanciando il gioco offensivo con quello difensivo e con uno studio quasi maniacale dell’avversario. Un lavoro non facile, soprattutto se si pensa che al termine di ogni semestre, i migliori giocatori abbandonano la cittadina di Florencio Varela, raggiungendo club con maggior blasone. Basti guardare i trasferimenti recenti di Enzo Fernandez e Braian Romero, attualmente in forza al neocampeòn River.

Quest’anno è riuscito a costruire una rosa giovanissima, con un’età media di 26 anni, portandola, ad una giornata al termine del campionato, al terzo posto nella classifica, ad un passo dalla qualificazione alla prossima Copa Sudamericana. Una coppa molto cara ai tifosi dell’Halcòn, dato che è il primo titolo vinto dalla squadra giallo-verde nel 2020, quando sulla panchina siedeva Hernan Crespo.

La vittoria di domenica notte per 2 a 3 sul campo del River è solo la ciliegina sulla torta di quanto incredibile fatto durante l’anno.

Per il 40enne allenatore di Rosario i numeri parlano chiaro, oltre alla certezza del terzo posto, Defensa y Justicia vanta il terzo miglior attacco del campionato, dietro a River e Lanus, e la seconda miglior differenza reti, dietro solo al River di Gallardo. Numeri da applausi!


calcioargentino.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Libertadores