0 4 minuti 8 mesi

L’Argentina si qualifica al prossimo mondiale grazie al favore della Tri che espugna Santiago del Cile battendo la Roja. Grande festa nel Paese, nonostante il grigio 0-0 rimediato col Brasile.

Nella notte di San Juan la Seleccion Argentina pareggia 0 a 0 contro il Brasile nella 14^ giornata di Eliminatorie mondiali, ma si qualifica ugualmente al mondiale di Qatar 2022 grazie alla vittoria dell’Ecuador contro il Cile. E’ il trionfo della Tri del Lechuga Alfaro che riscatta una notte opaca contro i cugini brasiliani.

Contro il Brasile è sfida molto sentita da entrambe la squadre e per questo risulteranno 90 minuti tattici e sterili dal punto di vista dello spettacolo. La Scaloneta parte forte e inizia a pressare i verdeoro a tutto campo, trasportati dalla buena onda dei 25.000 presenti, anche se, la prima occasione del match è del Brasile che in contropiede va ad un soffio dal vantaggio con Vinicius. La partita è equilibrata, con la squadra di Scaloni che prende l’iniziativa del gioco e la Selecao che cerca gli spazi in rimessa. Man mano che passa il tempo i contrasti si fanno sempre più energici e l’arbitro ha il suo bel da fare nel fischiare le innumerevoli scorrettezze. Nella circostanza, rischia molto Otamendi dopo una gomitata al volto Raphinha, non vista dall’arbitro uruguayo Cunha e ignorata dal Var. L’Albiceleste mostra tanta generosità nel cercare il gioco, ma la lucidità non è quella dei giorni migliori.

Una delle poche emozioni della partita: la genialata del Fideo

Nella ripresa Scaloni si affida al Tucu Correa per Lautaro e Lisandro Martinez per lo stanco Paredes per un diverso ordinamento tattico. Ma come si diceva, non è serata. L’Argentina appare stranamente mal organizzata, slegata tra i reparti e inevitabilmente lunga. Sembra anche che manchino le energie fisiche e mentali ai campeónes de America, provati, probabilmente, dalla recente trasferta di Montevideo. Messi ancora non è al 100% e la squadra soffre terribilmente il pressing a tutto campo dei brasiliani. De Paul, ‘settepolmoni’, tiene dritta la barra del timone, con la sua energia, coraggio e qualità tecnica, risultando, senza alcun dubbio, il migliore della partita. Nel finale entrerà anche Julian Alvarez per aumentare il peso offensivo, ma il crack del River Plate non inciderà ai fini del risultato.

L’Argentina pareggia 0-0 contro il Brasile non giocando la sua miglior partita, ma viene premiata mezz’ora dopo la fine, grazie alle clamorose notizie che arrivano dal Cile: l’Ecuador espugna 0-2 Santiago ed è ufficialmente Mondiale. Un riconoscimento meritato per una Nazionale che in questo 2021 ha fatto letteralmente sognare tutto un Paese, e non solo.

Record di imbattibilità, clean sheet ancora in piedi e qualificazione ottenuta per Scaloni e giocatori. La Seleccion Argentina nonostante la brutta prestazione stacca meritatamente il biglietto per Qatar 2022! Felicitaciones muchachos, la Scaloneta se va a Qatar!


calcioargentino.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.