0 10 minuti 9 mesi

Nuovo appuntamento con il futbol del campionato argentino. Analizziamo insieme la 16^ Fecha.

La notizia è della giornata è il River, che vince e approfitta della sconfitta Talleres per scappare in classifica. Vittoria anche per il Boca, nel difficile campo di Parque Patricios. Delude il Velez in casa, cadono Racing, Independiente e San Lorenzo.

17^ giornata

GodoyC Central CBA0-0
RCentral Patronato3-2
Racing Platense0-1
Velez Arsenal0-0
Defensa YJEstudiantes2-1
Sarmiento Union3-4
Gimnasia Newells1-0
Lanus Banfield1-1
Huracan Boca0-3
Colon Talleres1-0
ATucuman ArgentinosJ4-3
Aldosivi Independiente1-0
River SanLorenzo3-1

In classifica si ferma il Talleres, mentre il River va a +4. Terza posizione per il Boca grazie alla seconda vittoria consecutiva. Tra le prime posizioni ne approfitta il Colon per guadagnare qualche posto in zona Copas.

Huracan 0-3 Boca

Immagine

Per comprendere meglio la Revolución bostera deflagrata recentemente nel barrio de la Ribera, è bene ricordare che due mesi fa il Club Atlético Boca Juniors in classifica era al ventiquattresimo posto, con quattro punti conquistati in sei giornate. Sebastián Battaglia, allenatore proveniente dalle giovanili, è in pratica riuscito dove Russo è mancato. Innestando nuove motivazioni e fiducia nei tanti pibes che si affacciavano in prima squadra, l’entrenador ha assunto la funzione di psicologo, riuscendo in poco tempo a plasmare una squadra competitiva, giovane e dalla metalità offensiva. Da qui si è aperto un capitolo entusiasmante per i tanti tifosi Xeneizes, con i 23 punti guadagnati in dieci partite, ovvero 2,3 punti conquistati ad ogni 90 minuti, che hanno fatto balzare la squadra all’attuale terzo posto assoluto.

Mancano ancora nove partite al termine del campionato, ma sono già tante le sfide vinte da Battaglia e staff tecnico in questi pochi mesi. Su tutti, il recupero mentale e fisico del Kitcha Pavón, ritornato ai livelli conosciuti del 2018 e finalmente al servizio della squadra. C’è poi da considerare la crescita esponenziale del nuove ‘fatto in casa’ Lucas Vásquez, che ha risolto molte delle grane offensive della squadra; oltre che al centrocampo verde, formato da Almendra, Varela, Molina, Molinas, Montes, accantonati da Russo dopo diverbi interni e ora divenuti giocatori insostituibili. Per non parlare di Marcos Rojo, oggetto ingombrante prima tra fascia e centro, ora centrale difensivo insostituibile. Probabilmente il Boca non vincerà il campionato, ma guardando il futuro prossimo, si stanno gettando basi davvero interessanti per i semestri a venire.

River 3-1 San Lorenzo

Immagine

Sono tre punti d’oro per il River quelli conquistati nel Clásico contro il San Lorenzo che permettono al Millonario di cambiare marcia e staccare ulteriormente il Talleres, secondo in classifica. La vittoria assume il valore del trionfo, pensando alla favolosa doppietta dell’Araña del gol, classe 2000 Julián Álvarez. Le sue qualità le conosciamo ormai tutti e le abbiamo già decantate nelle puntate precedenti. Quello che probabilmente colpisce di più è la sua continuità di prestazioni e a suon di gol. L’aria brasiliana nella conquista della Copa America e l’esperienza nelle Eliminatorie mondiali probabilmente lo ha maturato definitivamente nell’inebriante l’ambiente della Seleccion, restituendo al club una attaccante completo in ogni fondamentale e convinto nei propri mezzi. Un predestinato, dal giorno del suo debutto nella finale Libertadores gloriosa di Madrid alla tripletta di domenica notte. Cosa ci aspettavamo?

Dall’altra parte, il San Lorenzo cade ancora. Questa volta però dignitosamente e accarezzando per circa dieci minuti la gioia dopo l’iniziale vantaggio di Fernandez. I risultati a Boedo ancora non arrivano e i punti sfuggono velocemente, ma Paolo Montero non si tira indietro e affronta la situazione a viso aperto. “Io non me ne vado” esordisce l’ex difensore della Celeste. “Non salto dalla barca, affronto la situazione nonostante le innumerevoli difficoltà. Non dobbiamo mollare ora, dato che ancora siamo vicini alla qualificazione.” Concludendo poi energicamente: “Siamo molto contenti di essere al San Lorenzo, sentiamo la fiducia dei dirigenti, dei giocatori e mi assumo tutta la responsabilità del caso”.

Raggiunge la vetta Julian Álvarez grazie alla doppietta contro il San Lorenzo. Salgono anche Castro, Cauteruccio e Cruz.

Aldosivi 1-0 Independiente

Immagine

Torna alla gogna l’Independiente dopo i segnali di ripresa confortanti recepiti nelle ultime due partite. Il Rojo probabilmente gioca una delle peggiori partite dell’era Falcioni, uscendone sconfitto dal campo dell’ultima squadra della classifica Promedio e una delle peggiori di quella stagionale. Un altro passo falso, probabilmente, figlio della maledizione della cessione dolorosa del Tucu Palacios, elemento insostituibile negli ingranaggi tattici di Falcioni. Da quando se n’è andato il giocatore, il Rey de Copas ne ha vinte una solo su sette. Senza idee, senza gioco e senza carattere, è un incubo troppo brutto per essere vero. Si spera possa essere un episodio sfortunato, isolato, considerando la traversa centrata da Barreto e l’occasione colossale sciupata da Togni. Decisamente giornata da dimenticare al più presto.

Da parte Aldosivi invece regna l’entusiasmo e guai se non fosse così. Il Tiburón guadagna i primi tre punti dopo addirittura 8 (otto) sconfitte di fila. Ed è soprattutto la prima vittoria del neo Dt Martín Palermo sulla panchina gialloverde a catalizzare l’attenzione mediatica del dopo gara. “L’emozione è indescrivibile, fantastica. Siamo stati ricompensati dal cuore che ci abbiamo messo. Quello di cui avevamo bisogno per uscire da questo momento e goderci un trionfo.” Appare raggiante el Titán nella sua inedita veste. “ I ragazzi hanno lottano in ogni palla lasciando tutto in campo. Hanno fatto uno sforzo enorme. La concentrazione, l’impegno di ciascuno, la responsabilità, sono davvero orgoglioso del tutti. Questi tre punti ci danno serenità. Risaliremo.”

Immagine
La temuta classifica Promedio. Nonostante la vittoria l’Aldosivi è ancosa ultimo.

Racing 0-1 Platense

Immagine

Sarà l’aria instabile di Avellaneda che accomuna la crisi di risultati tra i due club della città, perchè sennò non si spiega. Il Racing cade nuovamente tra le mura amiche contro la neo promossa Platense, scatenando la nuova contestazione dei tifosi (vedere puntate precedenti). Quello che non si capisce se siano i giocatori scarsi, il tecnico in confusione o l’apparato dirigenziale di nuovo in sentore di fallimento. I tifosi hanno però le idee chiare, quando al triplice fischio finale ricominciano con i fischi, gli insulti e maledizioni da ogni settore dei stadio verso il palco della dirigenza, colpevole numero uno, a dir loro, della confusione istituzionale academica che perdura dall’addio del Chacho Coudet.

Cori come Milito hay uno soloe La comisión se va a la puta que los parióecheggiano in tutto lo stadio in un malcontento generale che sembra non avere fine. E questa volta non ci sarà el Licha Lopez a fine gara davanti ai microfoni a metterci la faccia per cercare di stemperare gli animi e di far finta di niente. La crisi c’è, ed è profonda. Bisognerà tenere duro fino al 31 dicembre, quando qualche testa volerà oltre a quella dell’allenatore, a cui non verrà rinnovato il contratto. Beccacece, Piatti, e fra poco Ubeda. Ma se siamo al terzo allenatore in meno di un anno, siamo sicuri che è solo un problema tecnico?

Lanus 1-1 Banfield

Immagine

È andato in scena il ‘Clásico del Sur’ tra Lanus e Banfield nel Fortaleza finalmente traboccante di entusiasmo. In un contesto finalmente degno di tale partita, va in vantaggio a sorpresa il Taladro che si porta avanti con Juan Manuel Cruz, il figlio del jardinero Julio Ricardo. Il Gránate la riprenderà solamente a quattro dal termine, quando il mini bomber José Lopez la pareggerà con un gol da cineteca. Scintille a fine gara ma niente più. Non perdere el partidazo in questo periodo, è già una vittoria. Cruz classe ‘99, Lopez ‘00: c’è del futuro per il Clásico del Sur.

Newells

Dopo il 16º turno saluta tutti il tecnico Gamboa dalla panchina del Newell’s Old Boys. Decisiva la sconfitta contro il Defensa y Justicia. È l’undicesima panchina che ‘salta’ in 16 giornate.

Prossimo turno

Turno infrasettimanale per la Primera, ultimamente più veloce che mai. Nella Diciasettesima, sfide interessantissime caratterizzeranno le prossima giornata: la sfida al vertice TalleresRiver e tra due delle squadre più in forma del torneo, Boca Juniors-Godoy Cruz. Poi San Lorenzo-Lanus e Argentinos-Colon saranno crocevia di nuove emozioni.


calcioargentino.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.