0 3 minuti 1 anno

L’AFA si conferma in prima linea per il ritorno del pubblico negli stadi. Ieri il primo passo con il governo della Capital.

E’ stata organizzata ieri nella sede di Puerto Madero un’importante riunione tra istituzioni della Federazione del futbol argentino (AFA) e rappresentanti del governo della città di Buones Aires. Ordine del giorno? La delicata questione del ritorno del pubblico negli stadi argentini.

Presenti all’incontro il presidente AFA Claudio Tapia, il vicegovernatore della città, Diego Santilli; il vicepresidente AFA e presidente River Plate Rodolfo Donofrio; il Boca col vicepresidente Ricardo Rosica; il presidente della Liga e San Lorenzo Marcelo Tinelli; il segretario generale AFA e presidente Racing Club Victor Blanco; il presidente Velez Sergio Rapisarda; il neopresidente Huracán David Garzón e Marcelo Achile, presidente Defensores de Belgrano e segretario AFA.

Di cosa si è parlato? Del delicato tema del ritorno degli spettatori alla cancha, sogno proibito e desiderio di tutti i tifosi argentini. La consapevolezza è che si sia cercando di iniziare un confronto tra più parti, con l’AFA promotrice del progetto, in prima linea anche con il Ministero della Sanità pubblica attraverso la stesura di nuovi protocolli sanitari adeguati.

Il gran lavoro diplomatico della federazione e Liga, sebbene sia solo all’inizio sembra dare i primi frutti. Ieri i governatori di Santiago del Estero e Tucumán, Gerardo Zamora e Juan Manzur attraverso un comunicato hanno dato completa disponibilità per collaborare al progetto ambizioso di Tapia.

Questa la nota ufficiale: “L’AFA, insieme al Governo Nazionale, inizierà a lavorare per il ritorno del pubblico negli stadi con varie variabili sanitarie che saranno in accordo con le vaccinazioni e la diminuzione della curva di contagi, cercando come priorità di tutelare la salute di tutti gli argentini che amano il nostro calcio. “

Naturalmente l’eventuale rientro del pubblico negli stadi agirà in parallelo con il piano di vaccinazione messo a punto dallo Stato Nazionale, indispensabile per un ritorno alla normalità, seguendo a ruota il recente lavoro della Conmebol per la prossima Copa America.

Nonostante la questione sia ancora lontana dalla sua definizione, è comunque apprezzabile il fatto che le varie istituzioni abbiano intrapreso un dialogo verso la soddisfazione, in totale sicurezza, di uno dei bisogni primari del popolo argentino: il ritorno alla cancha de futbol.


calcioargentino.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Libertadores