0 3 minuti 2 mesi

Parla Lisandro Martinez nella previa contro la Polonia. Il difensore centrale in forza al Manchester United ha debuttato positivamente qualche giorno fa contro il Messico, rimpiazzando el Cuti Romero. Ex Defensa y Justicia e Ajax, è alla sua prima esperienza in una Copa del Mundo.

– Sarai titolare contro la Polonia? Cosa vi aspettate nella prossima partita?

“La formazione titolare ancora non è nota. La Polonia è una squadra tosta, hanno giocatori importanti come Lewandowski. E’ un duro avversario e sappiamo tutti che si muove molto bene. Dovremo essere concentrati per tutta la partita, solidi in fase difensiva. Immagino un inizio difficile, queste partite si vincono con i dettagli. La Polonia è un avversario tosto che si difende molto bene. Domani dobbiamo fare il nostro lavoro e fidarci di quello che abbiamo fatto”.

– Sei al mondiale per la prima volta nella tua carriera. Qual’è la differenza tra Copa del Mondo, Copa America e Finalissima?

“Non si può paragonare una partita del Mondiale a una della Copa América o Finalissima. Le partite qui sono molto ravvicinate e cerchiamo dare molto di più. Ma non siamo ancora arrivati ​​al livello che vogliamo”.

– Siete molti debuttanti in squadra, come vivete questa nuova esperienza e l’entusiasmo dei tifosi argentini?

“Siamo tutti appassionati dalla Seleccion e abbiamo quel senso di unione che caratterizza noi argentini. Siamo molto vicini ai sentimenti dei tifosi, ne approfittiamo dentro il campo e fuori. Per quanto riguarda noi, dobbiamo essere sereni e non metterci pressione. Stiamo facendo bene, continuiamo a lavorare in questo modo. Gli esordienti hanno la responsabilità di indossare questa maglia. Ma è grande motivo di orgoglio e daremo tutto per questa camiseta”.

– Qual’è stato l’insegnamento dopo la sconfitta con l’Arabia?

“Nella sconfitta si impara di più perchè non vivi l’entusiasmo della vittoria. Dopo l’Arabia il gruppo è diventato più forte e più preparato. Quando sei in Nazionale ‘ti tocca’ maturare, perchè vivi tutte le situazioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Libertadores