0 4 minuti 3 settimane

Due di troppo. A nove giorni dal via si stringe ulteriormente la lista argentina dei 26 per Qatar 2022. Attualmente a 28, il director técnico Scaloni deve ‘tagliare’ due giocatori per lunedì prossimo, giorno dell’ufficializzazione della lista definitiva, ma lo farà trepidando in questo fine settimana -come la maggior parte degli argentini-, scongiurando di non assistere a nuovi infortuni dell’ultima ora.

SICUREZZA MATEMATICA. La parola d’ordine del Director Técnico è certezza scientifica. Scaloni deve avere la sicurezza matematica -dell’ultimo istante di domenica- per valutare i 26 che rappresenteranno l’Argentina ai mondiali. Inutile dire che, vista l’enorme posta in gioco, si vivranno con spasmodica tensione gli ultimi novanta minuti dei futuri prescelti. Con la quasi certa rinuncia di Lo Celso, si cerca la quadra tra i rimanenti candidati. L’enigma Dybala, l’incognita Palacios, i dubbi dei due Correa -Angel e Joachim- e il rebus Foyth: uno di questi guarderà il mondiale dalla tv.

I dubbi di Leo Scaloni, 44 anni, l’allenatore più giovane a Qatar 2022.

APPUNTAMENTI. In questo contesto appaiono di vitale importanza i prossimi appuntamenti dei nazionali nel weekend europeo. Il primo sottoposto ad ‘esame’ sarà Nicolás Tagliafico, che affronterà stasera (21:00) il Nizza al Parc Olympique Lyonnais di Lione. Sabato, gli occhi saranno invece puntati sulla Premier League, e in particolar modo su Julian Alvarez, vice Lautaro, ultimamente in gran forma col City e a completa disposizione di Pep Guardiola (Manchester City vs. Bradford, 13:30). Dall’Inghilterra alla Germania, dove verrà sottoposta ai raggi X la performance del recuperato Exequiel Palacios nella sfida tra Bayer Leverkusen e Stoccarda (15:30). Mezz’ora più tardi e toccherà al Cuti Romero -in tribuna per precauzione, ma pronto per l’Arabia Saudita- a osservare i compagni nella gara contro il Leeds.

Inutile dire che domenica l’osservato numero uno sarà il capitano, Lionel Messi, che tornerà a calcare il Parc des Princes dopo un breve periodo di indisponibilità causato dell’infiammazione del tendine di Achille. C’è molta ansia per gli ultimi minuti di Leo nel club parigino prima della kermesse mundial. La leadership carismatica e tecnica di questa Selección passa inevitabilmente dai suoi piedi e c’è da augurarsi che gli ultimi novanta minuti non riservino ulteriori sorprese.

Lautaro Martinez e il Tucu Correa scenderanno in campo con la camiseta dell’Inter a Bergamo contro l’Atalanta (12:30), mentre el Dibu Martinez difenderà la porta dell’Aston Villa, sfidando il suo compagno di nazionale Alexis Mac Allister, volante del Brighton (15:00). Contemporaneamente, all’Olimpico di Roma, Paulo Dybala si giocherà le sue ultime chance per il Qatar contro il Torino.

Con Lo Celso già out, chi sarà l’ultimo nome depennato?

Nella serata, toccherà poi a Nico Otamendi ed Enzo Fernández (Benfica) a sbrigare la pratica Gil Vicente (19:00) prima di Leandro Paredes e Angel Di María, i quali, sfideranno la Lazio nello Stadium di Torino (20:45).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Libertadores