0 2 minuti 3 settimane

“Chiedo solo a Dio e alla Vergine Maria di darmi la forza per continuare in questo incubo. Ti cercherò figlio per il tuo eterno riposo” Così recita il toccante post di José Rebollo, padre di Samuel, giocatore classe 2002, che nelle ultime ore ha deciso volontariamente di spegnere la sua giovane esistenza.

E’ dramma a Mar del Plata dopo la tragica notizia che ha avuto protagonista un ragazzino appena ventenne. Samuel Rebollo, calciatore della quarta divisione giovanile del Aldosivi, si è tolto la vita dopo il rifiuto da parte del club di proseguire la collaborazione sportiva. Sarebbe stata quindi la depressione la maggior imputata a giustificare l’insano gesto, sebbene il giovane non avesse mostrato cambiamenti di umore nell’ultimo periodo di vita.

Un’altro lutto scuote dunque il mondo calcistico argentino e in particolar modo l’Aldosivi dopo il caso di Leandro Latorre, giovanissimo diciottenne, sprofondato in una profonda depressione nel 2020 dopo un mancato rinnovo sempre nelle fila giovanili del Tiburón. Una drammatica nuova coincidenza.

Secondo fonti locali il club avrebbe contattato la famiglia rendendosi disponibile per un eventuale sostegno. Il direttivo del club avrebbe inoltre deciso di iniziare un percorso di aiuto psicologico per tutti i giovani delle giovanili del vivaio. Nel nome di Leandro e Samuel.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Libertadores