1 10 minuti 6 mesi

Il secondo turno di Primera Division ha destato non poche sorprese tra tifosi e addetti ai lavori. La frenata del River e la clamorosa sconfitta maturata dal Boca sono stati gli argomenti principali tra i canali sportitivi argentini di questo lunedì. Da ricordare poi, la vetta storica del Platense, il clásico scopiettante di Santa Fé e la ricaduta del Racing che ha fatto clamore. Allacciate le cinture, si parte per el mundo loco del futbol argentino!

2^ giornata

Newells SanLorenzo0-0
Gimnasia Patronato2-0
Lanús Defensa YJ1-1
Huracán RCentral2-0
Tigre Barracas1-1
Arsenal Banfield0-0
Sarmiento Argentinos1-0
River ATucuman0-0
Colón Unión2-2
GodoyC Racing2-0
AldosiviEstudiantes0-1
Independiente Talleres1-0
Velez Platense0-1
Central CBA Boca1-0

Prima posizione in solitaria per il Platense che spadroneggia la Liga a punteggio pieno. Vincono anche Gimnasia, Central Cordobe, Estudiantes e Independiente che risalgono la china.

River 0-0 Atl. Tucuman

Sta rivivendo i fantasmi del passato il River, che inizia con il freno a mano il secondo semestre del 2022 pareggiando in casa contro l’Atletico Tucuman. La stessa situazione era avvenuta l’anno scorso, prima della dolorosa eliminazione in Copa Libertadores. Il problema del Millo, oltre che realizzativo, sembra mentale, data la rosa dal notevole tasso tecnico, acclamata dai tifosi con entusiasmo dopo i grandi colpi mercato di gennaio, ma risultata poi insoddisfacente a livello pratico. Paradossalmente, manca il peso in attacco, settore in cui un anno fa Julian Alvarez spadroneggiava dettando la legge dell’araña. Ora alla Banda ci si lecca le ferite e si invoca il prossimo bomber, che non dovrà far rimpiangere il giovane Álvarez. Quello però, dell’anno scorso. La nuova ilusión si chiama nientemeno che Luis Suarez, il bomber uruguayo ex Atletico Madrid, che ora fa sognare il Monumental.

“Suarez? Difficile parlare di una possibilità che non sappiamo se possa essere reale, al di là del nostro interesse” ammette Marcelo Gallardo al termine della gara. “Non dipende solo da noi, il calciatore sta prendendo in considerazione la proposta. Non ci resta che aspettare e vedere cosa succederà. Ho parlato con lui, lo conosco, ho un buon rapporto e l’ho contattato per chiedergli cosa ne sarà del suo futuro e sulla possibilità di approdare nel futbol argentino prima del Mondiale”.

Godoy Cruz 2-0 Racing

Non si placa il periodo nero del Racing dopo la scioccante eliminazione in Copa Argentina ad opera del piccolo Agropecuario. A Mendoza arriva la prima sconfitta dell’equipo di Gago, che soccombe oltre misura contro i padroni di casa del Godoy Cruz. Seconda derrota consecutiva e clima che si arroventa ulteriormente ad Avellaneda, lato Cilindro. La partita termina già al 36′ del primo tempo, quando Chancalay si fa espellere per un fallo a centro campo del tutto evitabile. Ora el Pintita dovrà essere bravo a gestire lo spogliatoio in maniera ottimale: c’è il rischio di buttare all’aria un percorso da incorniciare durato tutto il semestre scorso. “La verità è che quel rosso ci ha portato fuori dalla partita, meritavamo certamente di più” commenta Fernando Gago in sala stampa. “Con un giocatore in meno è molto complicato proporsi in avanti. Ma prima dell’espulsione stavamo bene. Abbiamo uno stile di gioco che si propone di arrivare in condizioni ottimali alla porta avvesaria. Se ci arriviamo col possesso palla, tanto meglio. Dobbiamo continuare su questa strada e con questi giocatori, perché l’idea è buona, manca solo un po’ di concretezza”.

Newells 0-0 San Lorenzo

Il San Lorenzo pareggia a Rosario e conquista un prezioso punto per l’autostima dell’intero plantel in vista delle prossime sfide. Contro il Newells e nel catino del Marcelo Bielsa il Ciclón dimostra un miglioramento dell’atteggiamento mentale e fisico, riuscendo a tenere testa ad una squadra già rodata dalla positiva stagione dell’anno scorso.

E’ sulla stessa lunghezza d’onda anche il Dt Rubén Insua, soddisfatto dei suoi dopo novanta minuti gagliardi: “Sono molto soddisfatto della risposta collettiva mentale e fisica contro un buon avversario” ammette el Gallego, “abbiamo fatto un passo avanti rispetto alla partita precedente. Abbiamo giocato con tanti giovani su un campo molto complicato, con buon spirito e carattere. Siamo stati all’altezza della situazione”.

Parlando dell’aspetto gruppo è terminata nel peggiore dei modi la ‘collaborazione’ con Ricardo Centurión, svincolatosi dal San Lorenzo dopo l’ennesimo flop personale. Saluta anche l’attaccante Uvita Fernandez, di ritorno al Defensa, per il risparmio di una quota di pagamento del traferimento. In questo mercato il Ciclón dovrà concentrarsi principalmente sulla punta de jerarquía. Il sogno proibito è senza dubbio l’ex Cauteruccio, ma il Campeón de America è molto conteso e a Boedo le casse sono sempre più vuote. Il presente dovrebbe chiamarsi Diego Calcaterra. Il giovane centrocampista della Lepra è difatti ad un passo dal vestire azulgrana. Nulla di fatto anche dall’ex Buffarini, libero dopo l’esperienza al Boca. Il terzino va al Talleres dove gli sono stati offerti 3 anni di contratto, scavalcando l’offerta di un annuale dal Ciclón. El Gallego dovrà abituarsi presto al contesto economico: di soldi non c’è ne sono.

La classifica Promedio/retrocessione. Le ultime due retrocederanno a fine Primera

Independiente 1-0 Talleres

L’Independiente ottiene tre punti quasi di vitale importanza al Libertadores de América. Contro il Talleres arriva la prima vittoria del semestre che ridona entusiasmo all’ambiente anche dopo il buon pareggio con il San Lorenzo. Non sarà spettacolare, ma perlomeno la squadra di Domínguez si dimostra cinica e concreta, capitalizzando al massimo il primo gol del ‘perro’ Romero in questo semestre, di nuovo leader della mediana. Ma oltre al risultato, i tifosi diablos sognano ad occhi aperti in seguito le notizie di radio mercato che darebbe per certo gli arrivi di Ivan Marcone dall’Elche, della mezz’ala contesa da mezza Argentina, Rodrigo Aliendro (Colón) e del bomber Cauteruccio (Aldosivi). Nuovi interessanti scenari si aprono per il Rey de Copas, intenzionato a cambiare marcia nella seconda metà del 2022. Se davvero fosse così, l’asticella degli obiettivi stagionali si alzerebbe verso un posto tra le prime quattro, per un posto Libertadores che manca da 2018.

Central CBA 1-0 Boca

Il Boca abbandona il ‘Madres de Ciudad’ con l’amaro in bocca dopo la prima sconfitta stagionale, consapevole di aver giocato male, ma cosciente, che con un po’ di fortuna si poteva anche portarla a casa. “È stata una notte sfortunata” esordisce un Battaglia scoraggiato a fine partita. “Il Central ha segnato ma noi abbiamo avuto le nostre occasioni, non le abbiamo sfruttate e ora ce ne andiamo con le tasche vuote. Fa parte delle leggi del fútbol, a volte è più facile, a volte non la mandiamo dentro neanche con le mani. Es una noche negra”.

A distogliere lo sguardo dall’amaro esito sportivo c’è la storia di Don Antonio Felix, l’anziano tifoso xeneize, vittima di una truffa la settimana scorsa nell’incontro di Copa Argentina a La Rioja e diventato ‘caso virale’ nella settimana. Riquelme e dirigenza, venuti a conoscenza della triste storia, lo hanno invitato a Santiago del Estero dove ha potuto conoscere i giocatori e dove finalmente è apparso col sorriso dopo gli ultimi giorni difficili. Il bello del calcio, anche dopo una sconfitta.

Clásico Santefesino

Si scrive Clásico e solitamente si legge partita chiusa, noia assicurata e pullman davanti alla porta. Niente di più falso. Sabato pomeriggio è andato in scena a Santa Fé il puro futbol nella stracittadina tra Colón e Unión. Non è mancato nulla: garra, palle gol, contropiedi e rigori, oltre che, a quattro gol, due espulsioni e consulti Var. Onore a queste due squadre che davvero hanno tenuto alto l’orgoglio dei due club, disputando una partita dalle mille emozioni.

Platense, unico puntero

Il Calamar fa il colpaccio ed espugna l’Amalfitani battendo a domicilio il Velez e salendo in vetta a punteggio pieno grazie alla vittoria dell’esordio contro il Godoy Cruz. Felicitaciones Platense, capolista solitario del futbol argentino!

Il GOLAZO della 2^ giornata

Il ‘premio Golazo della giornata’ va al Licha Lopez, 39 primavere, ma dalla classe ancora perfettamente integra. Suo il gol vittoria del Sarmiento contro l’Argentinos Juniors!

Prossimo turno

Si ritorna subito in campo per il turno infrasettimanale! Il River va al Cementerio de los Elefantes contro il Colón, mentre il Boca riceve il Tigre. Racing-Velez è il clásico porteño della fecha oltre che Argentinos-Independiente.

Un commento su “Cronache dalla Primera 2022 – (2)

  1. Aw, this was a very nice post. In concept I wish to put in writing like this moreover – taking time and precise effort to make an excellent article… but what can I say… I procrastinate alot and by no means appear to get something done.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Libertadores