0 5 minuti 11 mesi

Ultime quattro partite per definire chi nel girone sudamericano parteciperà al prossimo mondiale. Sarà un doppio turno a dir poco elettrizzante per gli innumerevoli scontri diretti in programma.

La doppia giornata di Eliminatorie mondiali si preannuncia davvero caliente per le Selecciónes ancora in lotta per una partecipazione al mondiale di Qatar 2022. Con Argentina e Brasile già matematicamente qualificate, saranno ben sette le nazionali in corsa per i restanti tre posti a disposizione.

Ma ancora nulla di definitivo: dopo queste due giornate mancheranno infatti altri 180 minuti per definire la classifica finale. Si accende quindi una battaglia senza quartiere nel girone, anche grazie ai numerosi scontri diretti che infiammeranno ulteriormente la competizione.

Vediamo nel dettaglio ogni singola Selección in base alla classifica.

Al di sopra delle aspettative l’Ecuador di Alfaro, ad un passo dallo staccare il biglietto decisivo. La Tri cerca la fuga decisiva dopo la doppia vittoria conquistata contro Venezuela e Cile, ma il calendario ora si fa complicato. Non sarà semplice guadagnare punti contro il temibile Brasile, anche se si giocherà in altura, nei temibili 2.734 metri di Quito. Pochi giorni dopo e sarà sfida infuocata contro il Perú in trasferta, per 90 minuti che sapranno molto di spareggio.

Federación Colombiana de Fútbol - Wikipedia, la enciclopedia libre

Cinque punti più sotto (17) la Colombia cercherà di cambiare marcia dopo l’insolita astinenza da vittorie che perdura da ormai cinque gare. Ma soprattutto proverà a tornare sulla via del gol, mancante da ben 450 minuti nonostante un attacco dalle enormi potenzialità. Contro il Perú la prima in casa e contro l’Argentina in trasferta la seconda, per cinque giorni da assoluti brividi.

Nazionale di calcio del Perù - Wikipedia

A pari punti (17) ecco il Perú, ripresosi dopo l’avvio negativo nelle qualificazioni. Nonostante una prima parte di torneo nefasta, il popolo peruviano si attende una reazione decisa e determinata, secondo le caratteristiche tipiche -e già viste- della Blanquirroja. L’equipo di Gareca è chiamato alle imprese contro la Colombia, nel caldo torrido delle 18 locali a Barranquilla, e successivamente, contro l’Ecuador nel Estadio Nacional de Lima.

Archivo:Logo de la Federación de Fútbol de Chile.png - Wikipedia, la  enciclopedia libre

A una lunghezza di distanza (16) c’è il Cile, attardato oltre ogni previsione che cerca di risalire la china. Per il primo impegno la federazione cilena ha deciso di giocarsi tutte le carte a disposizione, cercando il colpo a sorpresa. Contro la Selección Argentina infatti si giocherà nell’ambiente inospitale del deserto di Atacama, a Camala, nell’altura dei 2.260 metri. È questo il piano architettato per avere delle speranze contro la più attrezzata Albiceleste. Si cercheranno poi altri punti preziosi nella trasferta successiva in Bolivia.

Archivo:Escudo De La Selección de Uruguay.png - Wikipedia, la enciclopedia  libre

Sempre a 16 punti troviamo l’Uruguay, anch’esso in crisi profonda. Dopo quattro sconfitte consecutive la Federazione uruguaya ha deciso a malincuore di salutare definitivamente il maestro Tavarez. Il difficile destino della Selección è ora nelle mani dell’ex nazionale Diego Alonso per traghettare i vari Suárez e Cavani nel paradiso dei mondiali. Nella temibile trasferta ad Asunción contro il Paraguay e in casa contro il Venezuela, gli incontri in programma.

Bolivia - AS.com

A 15 punti ecco la Bolivia, con un piede già fuori dalla qualificazione. Difficile per La Verde un risucchio verso le zone più nobili della classifica, anche se, con una classifica così corta, tutto può ancora succedere. Contro il Venezuela in trasferta e Cile in casa il calendario di Marcelo Moreno e compagni.

File:Logo APF.png - Wikipedia

Più proibitivi gli impegni dei Paraguay, a 13 punti e con le speranze ridotte al lumicino. Dovranno dare anima e corpo in casa contro l’Uruguay e a Belo Horizonte con il Brasile e sperare profondamente nella providencia.

Insomma l’avrete capito. Partite assolutamente decisive, in contesti mistici e incandescenti come quelli sudamericani. La posta in gioco è altissima e il tempo stringe: chi saranno le Selecciones che alzeranno le braccia al cielo?


calcioargentino.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Libertadores