0 10 minuti 1 anno

Giornata di campionato totalmente caratterizzata dalla celebrazione argentina per il 61° compleanno dell’indimenticato Diego Armando Maradona. Commozione ed emozioni ci hanno accompagnato nello scorso fine settimana.

Emozione pura. E’ l’unico sentimento che viene in mente dopo aver trascorso il week end a piangere l’amato Diego. E’ venuto fuori, una volta in più tutto l’amore nei confronti del campionissimo di Villa Fiorito. E’ stato difficile poi concentrarsi sul campo.

Analizzando più in profondità, è stato un turno di campionato con molte sorprese e abbastanza negativo per le cinque grandi di Argentina. Perdono Boca, Racing e Independiente, pareggia il River, mentre torna alla vittoria il San Lorenzo. Nei primi posti vince il Talleres e il Lanus. Cade il Velez.

19^ giornata

Racing Defensa YJ1-2
ArgentinosJ Lanus0-1
Platense ATucuman4-1
Arsenal Sarmiento1-0
Talleres Huracan1-0
Banfield Velez2-1
Boca Gimnasia0-1
Union RCentral3-1
SanLorenzo GodoyC1-0
Newells Independiente1-0
Estudiantes River1-1
Patronato Colon2-0
Central CBA Aldosivi0-0

Nella classifica del semestre il Talleres ‘rosicchia’ due punti dal River capolista.

Ma la vera tabla, quella che assegna i posti nelle Copas é questa, quella stagionale. E’ quasi sicuro il River in Libertadores 2022; con il Velez secondo e quasi irraggiungibile, è corsa al Talleres per l’unico posto papabile per la massima competizione sudamericana. C’è il Boca (finalista) che potrebbe rientrare attraverso la conquista della Copa Argentina (+1 posto Libertadores). Manca ancora tanto tempo per le sentenze definitive.

Special post: Cumple Maradona

Lacrime, palloncini, cori e tanto tanto sentimento. Con queste emozioni abbiamo vissuto il compleanno del Diego nazionale nell’ultimo turno di Primera division argentina. Immagini e sentimenti che sono entrate nel più profondo dell’anima e che ritroveremo sicuramente tra qualche settimana, in occasione del primo anniversario dalla sua ascesa in cielo. Gracias por tanto fútbol, te quiero Dieguito!

San Lorenzo 1-0 Godoy Cruz

Respira una boccata d’ossigeno il San Lorenzo dopo le umilianti quattro sconfitte consecutive. Contro il Godoy Cruz arrivano i tre punti, necessari ad alimentare nuove speranze di Copas, grazie al gol del rientrante -ma panchinaro fisso con Paolo MonteroFranco Di Santo, unico nueve di una certa caratura nella squadra. Al fischio finale i tifosi se ne ritornano a casa confusi, abituati oramai a fischi e contestazioni. Alcuni esultano come se avessero vinto il titolo. È solo una partita, ma per questo semestre, vale davvero tanto.

“Sapevamo che oggi era una partita molto importante per il gruppo e per i tifosi” ha dichiarato l’Uvita Fernandez al termine. “Avevamo bisogno di vincere, era una partita molto importante visto il momento negativo. Vogliamo continuare a sentire l’incitamento della gente, ma dipenderà da noi. Dobbiamo continuare a lavorare in questa direzione, il gruppo è forte, questa è la strada”.
L’obiettivo è quello di fare più punti possibili e qualificarsi per le Coppe”.
Prossimo impegno? L’impegnativa sfida all’Amalfitani contro il Velez.

Boca 0-1 Gimnasia

Il Boca cade per la seconda volta consecutiva in campionato e dà il via alla mini-crisi, la prima dopo l’addio di Russo. Per la verità contro il Gimnasia i padroni di casa approcciano bene ma poi arriva il minuto 10 e tutto improvvisamente si resetta. È troppa l’emozione appena vissuta per riuscire a tornare concentrati in tempi brevi. Il Lobo ci riesce, procurandosi il rigore e mantenendo il risicato vantaggio fino al 90’ senza troppo soffrire. Arriveranno le gioie per i bosteros solo mercoledì notte, quando la squadra di Battaglia riuscirà ad avere la meglio contro l’Argentinos Juniors nella semifinale di Copa Argentina. La finale è ora una dolcissima realtà.

C’era tanta attesa per l’omaggio della Bombonera al primo compleanno di Diego Armando Maradona dopo la sua dipartita. L’ovazione a Diego degli hinchas e i cori commuovono tutta l’Argentina, compresa Dalma, la figlia di Diego, che non riesce a trattenere le copiose lacrime di fronte a tanto amore. Diego, il più grande di tutti e figlio del Boca. Una locura total alla Bombonera.

Estudiantes 1-1 River

Un River che non vince e che soffre era da tempo che non si vedeva. Contro l’Estudiantes a La Plata, e soprattutto contro el Ruso Zielinsky, la Banda guadagna un punto prezioso per la fuga solitaria in Primera, grazie a Rojas, protagonista del vantaggio, e al suo arquero Franco Armani, che con un grande intervento nel finale sventa la probabile sconfitta. Si riduce a sette il vantaggio dal Talleres secondo, che nel pomeriggio vince contro l’ Huracan. Nonostante il mezzo passo falso prevale ancora l’ottimismo per la conquista del titolo a sei giornate dal termine. Gallardo vuole lasciare l’ultimo trofeo ai tifosi prima di un possibile addio, magari già a gennaio, quando scadrà il contratto. Sarà naturalmente decisione propria del Muñeco continuare o meno nella Banda. Chi potrebbe farne a meno dell’allenatore più vincente nella storia del club?

In settimana è stato registrato gran trambusto per un episodio social che ha lasciato il segno. Il presunto ritorno di Juanfer Quintero. È ancora indimenticato da queste parti il l’idolo colombiano, entrato nei cuori dei tifosi, per dirne una a caso, protagonista della rete del vantaggio nella final del siglo. Alla richiesta su IG di un tifoso di tornare al River, Juanfer ha risposto ‘Pronto’ con cuoricino annesso. Da lì a poco si è scatenato il putiferio, con servizi sportivi che davano già la notizia del possibile ritorno del ‘mago’. Sarebbe una vuelta clamorosa, che rinforzerebbe oltre misura un attacco già scoppiettante di suo. Juanfer al River, di nuovo.. sarebbe da impazzire.

Sand 41 anni, 11 gol. Lopez 21 anni, 11 gol. È questo il prodigioso attacco del Lanus.

Newells 1-0 Independiente

Una delle più umilianti partite della stagione. È stata definita così dai tifosi la prestazione del Rojo contro il Newells. Contro una squadra in profonda crisi e reduce da una vittoria in tredici partite l’Independiente è riuscito a perdere giocando addirittura con l’uomo in più . Nulla togliere al pibe Román Bravo, al debutto in prima squadra e autore di un autentico golazo al 93’, per carità, ma bisognerà farsi un bel esame di coscienza a Villa Dominico. Il troppo altalenante rendimento rischia di rovinare quanto di buono fatto finora.

“Il Newells ci ha bloccato bene e ci ha reso le cose difficili “, ha analizzato Falcioni bel dopo gara.“Meritavamo di vincere e abbiamo perso per un solo tiro in porta. Abbiamo dominato per tutta la partita”. Prossima partita? Contro l’Arsenal al Libertadores de America. Si necessita vittoria per continuare a sperare.

La classifica che tutti temono, quella retrocessione. L’anno prossimo ne vedremo delle belle.

Racing 1-2 Defensa YJ

Arriva la seconda sconfitta consecutiva per Gago che cade in casa contro il Defensa dell’ ex Beccacece. L’Halcón appare è in forma strepitosa e totalmente trasformato a livello mentale rispetto all’inizio del campionato. Ritrova pure il gioco di un tempo l’equipo del Becca che fa ammattire il centrocampo e la difesa dell’Acadé. Non c’è gara, in sintesi, per questo Racing ancora troppo fragile e sulla strada del recupero psicologico. Il Cilindro al termine della partita non ha più la voglia di contestare. Inutile perdere fiato per una situazione talmente palese, quanto al limite del paradosso. Appoggio incondizionato alla squadra certo, nel bene e nel male, ma alla fine qualcuno dei vertici più alti dovrà pagare il conto di questo 2021 nefasto.

“La sensazione è di frustrazione, lavoriamo in un buon clima in settimana ma dobbiamo dimostrarlo sul campo la domenica”, ha detto Fernando Gago al termine. “Dobbiamo cercare di convincere il calciatore ad abituarsi a vincere. Questa settimana sarà fondamentale per noi”.

Prossima giornata

Ventesima giornata. I punti iniziano a farsi pesanti a sei giornate dal termine. In vetta il River ospita un Patronato in buon stato di forma mentre il secondo Talleres affronta il Godoy Cruz, qualche giorno prima di ritrovarlo in semifinale di Copa Argentina. Facce conosciute in Aldosivi-Boca dove el loco Martín Palermo incontrerà la sua ex squadra. Molte poi le sfide interessanti a partire con Lanús-Estudiantes, proseguendo con Atlético TucumanRacing e terminando con Velez-San Lorenzo.


calcioargentino.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Libertadores