0 2 minuti 1 anno

E’ l’insolita decisione nelle ultime ore della dirigenza della Banda, per far fronte all’enorme passione dei tifosi rispetto ai pochi posti disponibili.

Il problema sono i troppi abbonati River. Uno degli aspetti economicamente più vantaggiosi per un club di futbol -soprattutto in Argentina-, si sta rivelando un vero e proprio grattacapo per società e tifosi millonarios, in special modo in questo momento difficile di pandemia.

Nel día del Superclasico grande impressione aveva destato il Monumental finalmente ‘invaso’ degli hinchas della Banda dopo un divieto lungo sette mesi. Grande entusiasmo nelle gradinate per i presenti, ma non per 10.000 rimanenti abbonati che l’hanno dovuto vederla davanti alla tv, nonostante, le ultime quote societarie regolarmente pagate. Tutto colpa delle nuove disposizioni governative sulla decisione di ridurre la capacità degli impianti sportivi al 50% della capienza.

Troppi abbonati per soddisfare i limitati posti disponibili. Che fare allora? La decisione della dirigenza del River Plate è risultata tanto semplice quanto insolita. Si abbinerà ad ogni numero seriale di ogni abbonamento -regolarizzato-, agli ultimi due numeri dei biglietti estratti della lotteria della Città di Buenos Aires. I fortunati ‘vincitori’ della contesa potranno varcare la soglia dello stadio; chi invece non sarà ‘baciato’ dalla fortuna, si aggiungerà alla ‘lista di attesa’ per la partita successiva.

Sarà dunque la sorte a decidere chi assisterà domenica sera al clásico col San Lorenzo. Naturalmente, i 10.000 tifosi esclusi dieci giorni fa, avranno la priorità assoluta per l’ingresso al Monumental. Poi chissà…


calcioargentino.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Libertadores