0 5 minuti 1 anno

Semifinale. A due partite dalla Gloria. E’ questa la nuova conquista di Messi e compagni che nella notte hanno avuto la meglio del complicato Ecuador di Gustavo Alfaro. Ascoltiamo allora le voci dei protagonisti al termine della sfida.

Immagine

Grande protagonista della serata e miglior giocatore della gara, ancora una volta, el Diez Messi. Che ai microfoni ammette che non è stato così facile.“E’ stata una partita molto dura, conoscevamo bene la difficoltà dell’avversario. È stata molto combattuta fino a quando non abbiamo trovato il gol, poi la partita si è un po’ ingarbugliata. L’importante è che abbiamo fatto un passo in più” ha detto l’asso argentino, che poi ha ammesso: “Cerchiamo di giocare al meglio delle nostre possibilità, ma non sempre ci riusciamo, il campo non aiuta molto. Abbiamo fatto una partita molto importante. Era uno dei nostri obiettivi essere tra le migliori quattro. Adesso dobbiamo riposare perché c’è poco tempo per la prossima partita.”. E sul futuro prossimo: “Lo dico sempre: i premi individuali sono secondari, noi siamo qui per altro. Voglio fare i complimenti al gruppo per il lavoro che stanno facendo, siamo lontani dalle nostre famiglie da tanti giorni. Abbiamo tutti un obiettivo in testa ma ci penseremo giocando partita per partita.

Immagine

E’ raggiante al termine della sfida Lautaro Martínez, alla seconda marcatura consecutiva: “Abbiamo visto un’Argentina protagonista, é questo che ci chiede il tecnico. Oggi abbiamo fatto la differenza. E’ stata una partita impegnativa, loro sono una squadra fisica che corre e mette pressione continuamente” ha detto il toro. Che poi ha dichiarato: “Al di là della difficoltà del campo da gioco, cerchiamo di fare del nostro meglio e lasciare una buona immagine. Stiamo bene, ora dobbiamo recuperare e pensare alla Colombia. Li abbiamo affrontati di recente, saranno un avversario tosto.” E ha concluso esaltando il capitano. “Tutti seguiamo la leadership di Messi. Oggi abbiamo visto ancora una volta in che modo riesce a fare la differenza, con noi tutti che cerchiamo di aiutarlo. Siamo felici, siamo un gran gruppo e ce la mettiamo tutta in ogni partita.”

https://pbs.twimg.com/card_img/1411507102544273412/3EkWzi3i?format=jpg&name=small

Parla anche il neo fiorentino Nico González, anche lui autore di una buona prova. “Dobbiamo continuare a vincere, sarebbe qualcosa di molto bello per le nostre famiglie e per il Paese. Cercherò sempre di fare del mio meglio per il gruppo. Siamo felici: abbiamo controllato il gioco e abbiamo vinto.” Che poi si è sbilanciato su Lionel: “Messi ci sorprende giorno dopo giorno. Ogni volta che diventa più forte e ci contagia a tutti noi. Ci dà fiducia e gioia. Dobbiamo continuare su questa strada e godercela.” Su una vittoria finale, Nico svela poi i suoi sogni. “Sogniamo di vincere la Copa, ma dobbiamo concentrarci partita per partita. Abbiamo le nostre armi per vincere”.

Immagine

Ed infine il Dt Scaloni, certamente più rilassato in volto rispetto alla vigilia: “Quando abbiamo avuto il turno di riposo, abbiamo lavorato il doppio. E La cosa migliore che può capitare a noi appassionati di calcio è godersi Messi. Vorrei che potesse giocare per tanti altri anni, perchè perfino gli avversari si divertono quando lo affrontano. Chi crede che tutte le partite si possano vincere facilmente sbaglia. Le partite sono bloccate, si giocano al limite. Ho la fortuna che tutti i miei giocatori danno il massimo fino all’ultimo minuto della partita e questa cosa, da allenatore, mi riempie di orgoglio”. Pensando poi alle sfide future il dt rivela: “Siamo in una fase decisiva e cercheremo di andare avanti con lavoro e umiltà. E’ una Copa América molto difficile e c’è un buon livello. Per arrivare in semifinale bisogna giocare per vincere tutte le partite. Siamo andati per gradi. Fino ad adesso abbiamo vinto sempre, ma abbiamo detto chiaramente che il processo è importante.” Tornando alla sfida con l’Ecuador, Scaloni ammette: “Con i cambi del secondo tempo abbiamo ripreso l’iniziativa del gioco, abbiamo rinfrescato un po’ la squadra. L’Ecuador è una buona squadra e di questo bisogna tener conto”. E poi, uno sguardo verso la prossima semifinale contro la Colombia. “Di recente l’abbiamo affrontata, è un avversario molto difficile, con grandi giocatori. Speriamo di giocare con la stessa intensità, con lo stesso entusiasmo di queste ultime partite.”

Videollamada Lionel Messi - Antonela
La videochiamata di Messi alla famiglia al termine della gara

calcioargentino.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Libertadores