0 4 minuti 3 anni

Ultimi 90 minuti da viver intensamente per un campionato da Locura. Chi diventerà campeón de Argentina tra River e Boca?

E arrivò il giorno del giudizio. L’ultima giornata di Superliga si preannuncia a dir poco incandescente, sarà resa dei conti su tanti fronti, soprattutto per il Titolo Nacional, con l’eterna sfida tra River e Boca, perché per le qualificazioni alle coppe Sudamericana e Libertadores e per la salvezza, si dovranno attendere i risultati della prima fase della Copa Superliga, i quali si sommeranno ai punti attuali conquistati in Superliga. Insomma ancora tutto da decidere!

Cercare di conquistare l’obiettivo stagionale, o di ripiego a seconda dei casi, è il diktat di ogni squadra, ora più che mai nell’ultima occasione possibile. E quello che più salta all’occhio in questa classifica è il grande assembramento di squadre in pochissime posizioni. Dalla terza alla decima 3 punti, dalla terza alla tredicesima 6 punti. Sarà tachicardia costante fino all’ultimo gol e fino all’ultimo minuto disponibile, prima di piangere o gioire.

Partiamo dalla lotta título, ovvero da River Plate e Boca Juniors.

46 pt. River: Brucia ancora il pareggio di domenica per come è arrivato. Primo tempo abúlico, subito in svantaggio contro il Defensa al Monumental e incapace di reagire. Nel secondo tempo arrivava il pareggio e il punto che serviva a mantenere a distanza ancora il Boca. Ora dipende ancora dalla Banda, ma c’è quella sensazione di paura che la beffa si possa ripresentare nella partita più importante della stagione. Sabato notte andrà in scena una finale per il River che potrebbe consacrare il club di Núñez campeón de Argentina la 37^ volta della sua storia, 6 anni dopo l’ultima volta. Il Muñeco non ha viaggiato a Quito per bronchite e nemmeno l’ha fatto la formazione titolare per prevenire le fatiche dell’altura. Il River dunque sarà di nuovo padrone del proprio destino contro l’Atletico Tucuman (fuori da tutto). È quindi lecito pensare che il Millo andrà ‘con todos’ per mettere le mani sull’unica competizione che manca a Gallardo allenatore. L’appuntamento quindi è per le 01:00 di sabato notte.


45 pt. Boca: La speranza è ancora viva dopo il mezzo passo falso River e dopo aver ridotto ulteriormente il gap. L’imperativo sarà battere il Gimnasia di Maradona alla Bombonera e sperare buone nuove dal nord Argentina, dove l’Atletico Tucumán ospiterà il River. Non dipende da sè il Xeneize ma dovrà fare il proprio dovere battendo il Lobo affamato di punti salvezza, poi sarà quel che sarà. Mercoledì è arrivato il pareggio in Copa Libertadores contro il Caracas con una formazione profondamente modificata dal turnover. Wanchope Abila ha fornito un’ottima impressione segnando due bei gol (uno ingiustamente annullato). Lo vedremo dall’inizio al posto di Soldano o farà la solita apparizione nel secondo tempo? Di certo Russo di ritrova un Boca trasformato soprattutto a livello mentale rispetto a quello vissuto nella gestione Alfaro, in particolr modo per la facilità di andare a segno, punto debole del gioco del Lechuga.

Di contro, il Gimnasia (promedio 1,067) di Maradona, ancora ultimo in classifica promedio ma con la speranza di salvezza ancora intatta dopo le ultime 3 vittorie consecutive. Il fatto che Maradona voglia vincere alla Bombonera per salvare il Lobo e umiliare Riquelme, preoccupa quanto basta il Boca. Per quanto riguarda il discorso salvezza bisognerà far bene anche in Copa de la Superliga, dove i punti conquistati si sommeranno al Promedio attuale. Non è ancora il giorno del giudizio per l’equipo di La Plata.


calcioargentino.it

0 commenti su “Superliga Argentina – La resa dei conti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Libertadores