0 8 minuti 1 mese

Com’era prevedibile, gli impegni continentali delle squadre impegnate stravolgono la la normale gerarchia in Primera. Delle cinque squadre argentine impegnate in Libertadores, quattro ‘inciampano’ schierando le seconde linee , mentre le outsider respirano ottenendo preziosi punti in vista campionato e Promedio. Si registrano i pareggi di Racing, Talleres e Newells mentre cadono le già sopracitate River. Boca, Vélez, Colón, oltre che San Lorenzo e Independiente.

[AVVERTENZA: Articolo scritto prima delle partite di Copa Libertadores e Sudamericana]

Central CBA Argentinos2-1
Boca Banfield0-3
Tigre Talleres1-1
Vélez ATucuman0-1
GodoyC Colón1-0
Gimnasia Defensa YJ1-0
Unión Lanús3-0
Barracas SanLorenzo2-1
Aldosivi RCentral2-1
Sarmiento Racing1-1
Huracán River3-2
ArsenalEstudiantes2-1
Newells Patronato2-2
Independiente Platense1-3

In vetta si forma un binomio formato da Gimnasia e Newells, seguito dal Platense che non smette di stupire. Boca e River attualmente in 11^ e 12^ posizione. La Libertadores, prima di tutto.

Independiente 1-3 Platense

Aria di inferno al Libertadores de America. L’Independiente perde sul campo col Platense e la faccia con i tifosi dopo una prestazione a dir poco orripilante. Sugli spalti c’è la ‘solita’ contestazione contro la dirigenza Moyano mentre al rientro negli spogliatoi l’attaccante Benegas perde la testa e va a duro muso con i tifosi che lo insultano. Un quadro di caos totale, considerando il prossimo clásico de Avellaneda ormai alle porte. “Siamo profondamente addolorati” ammette il director técnico Eduardo Domínguez. “Non dovevamo arrivare in queste condizioni nella settimana del clásico. Questo brutto momento però non intaccherà le nostre convinzioni più profonde. Il Clásico ci segnerà inevitabilmente. Ma è così, dobbiamo prepararci al meglio”.

Sarmiento 1-1 Racing

“Noi stiamo bene. Il tifoso giocherà il prossimo clásico col cuore. Noi dobbiamo lavorare con tranquillità. Sono tre punti che vogliamo fortemente”. Obiettivo neanche troppo nascosto per il Pintita il prossimo Clásico de Avellaneda. Appare soddisfatto il Dt Gago dopo il pareggio in trasferta a Junín. Contro il Sarmiento arriva solo un punto ma sarà incoraggiante la prestazione della squadra. Soprattutto la partita di Vecchio appare superlativa. Il fantasista ex Rosario Central si dimostra valore aggiunto nel plantel con la sua innata capacità di raccordare centrocampo e attacco. Per il gol poi ci penserà il ‘solito’ Copetti, con un cabezazo che infila di autorità la palla in rete. L’Academia si gode il momento presente, sperando di raccogliere i frutti anche nella prossima importantissima stracittadina.

Boca 0-3 Banfield

Serata ‘negra’ alla Bombonera. Il Boca versione ‘seconde linee’ non riesce solo a perdere sul campo (seconda sconfitta consecutiva) ma anche la faccia contro il Banfield, che in meno di 40 minuti riesce nell’impresa di segnare tre gol. Alla Bombonera. La testa sarà anche rivolta all’importante appuntamento di Libertadores ma l’equipo di Battaglia non cerca minimamente di reagire dopo quarantacinque minuti di nulla totale. Inconcepibile passo indietro a livello di mentalità della squadra che inizia nel peggior dei modi la settimana di Copa. Ne va del rispetto per il tifoso e della camiseta indossata. L’unico aspetto positivo è la camiseta senza sponsor che nell’occasione debutta dopo il mancato rinnovo con Qatar airways. Per il resto, c’è desolazione nelle populares “Martes cuesta cuel que cuesta” provano a cantare i tifosi, alla ricerca di smuovere gli animi dei giocatori. L’aspetto che dà speranza è che si arriva nella serie dallo 0-0 da San Paolo e che si giocherà alla Bombonera. Quello negativo, chissà.

Huracán 3-2 River

Nella giornata più incredibile mai disputata in questo 2022 cade anche il River che al Palacio Ducó ne prende tre, segnandone però due. Anche Gallardo mette in campo in campo la squadra ‘alternativa’, ma nulla può quando Maidana riesce nell’intento di farsi buttare fuori dopo appena mezz’ora per una folle gomitata a centrocampo. I locali prendono coraggio e passano dapprima con Cristaldo (doppietta, ex Boca, che giusto per gradire fa il gesto del Topo Gigio) e con Galvan. Gallardo mette per la disperazione Julian Alvarez che firma l’ultimo suo gol al River in campionato. Ora la testa sarà rivolta al Monumental, per cercare di ‘dar vuelta alla serie’ contro il Velez dell’ex amato Pratto. Partitazo.

Barracas 2-1 San Lorenzo

Il San Lorenzo pone fine alla sua imbattibilità stagionale perdendo contro il Barracas Central. Al ‘Claudio Tapia’ però succede di tutto, col Ciclón che si vede annullare un gol e non concedere un rigore grazie al Var. Monta la polemica nel dopo gara, che il tecnico cuervo Insua che accende la miccia: “Non ho capito perchè dal Var non abbiano richiamato l’attenzione dell’ arbitro Baliño sul rigore netto a Bareiro. Sto chiedendo a chiunque di farmi aiutare a capire perché non c’è stata la chiamata. Il fuorigioco poi, mi sembra un altro errore. Abbiamo rivisto molte volte la giocata e non capiamo chi è in posizione avanzata”. Molti poi i meme a riguardo, con la (ex?) squadra del presidentissimo Tapia che giunge alla prima vittoria nel torneo. ‘Da martedì inizieremo a preparare la sfida contro il Boca” dice el Gallego, senza impegni in settimana e con il morale, nettamente più alto dei ‘cugini’ xeneize.

Rosario Central

“Retegui mi aveva dato la sua parola, ma poi agli allenamenti del Central mi sono ritrovato da solo. Per me non è problema, ma deve sapere che il calcio non è per i cagasotto come lui. Mi aspettavo, perlomeno, che me lo dicesse in faccia e invece lo vengo a sapare attraverso la stampa. Ha infranto la sua parola, ha mancato di rispetto a me, la mia famiglia e al club. Eravamo d’accordo perchè si prendesse una licenza dai suoi impegni politici ma ha infranto la promessa che mi aveva fatto. Ha scelto la sua sicurezza politica al posto del suo sogno” E’ durissimo Carlitos Tevez nei confronti del suo ex amico “Chapa”, colui il quale lo doveva accompagnare nella prima avventura da tecnico del Rosario Central. L’Apache perde nuovamente, questa volta a Mar del Plata, ma ottiene delle risposte importanti dal punto di vista del carattere. Il clasico si avvicina e nonostante il nome di facciata e abbia fatto la storia del futbol argentino c’è preoccupazione tra la tifoseria. Le prossime contro Sarmiento e Independiente daranno la giusta dimensione al progetto tecnico dell’ex Boca.

Argentinos Juniors

Nella sfida contro il Central Cordoba accade il finimondo. Il dt Argentinos Gaby Milito viene espulso assieme al preparatore atletico del Ferroviario al 38′ del primo tempo dopo futili proteste. Verso gli spogliatoi il fratello di Diego perde la testa e cerca di farsi giustizia da solo, cercando di aggredire il componente dllo staff avversario. Scene poco edificanti di rissa si vedono nelle tv argentine, con i due che poco dopo saliranno nella camionetta della polizia in direzione commissariato. Notte di ordinaria follia per il ‘tranquillo’ allenatore del Bicho.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Libertadores