0 3 minuti 2 mesi

Probabilmente ci sar脿 da soffrire ancora molto, ma in Olanda-Argentina si sono toccate -abbastanza bene- tutte le emozioni che una partita di futbol pu貌 dare. Dal doppio vantaggio, abbastanza impronosticabile alla vigilia, alla rimonta quasi completa degli olandesi.

Quasi completa perch猫… chi non pensava di veder trionfare gli orange dopo le scorribande in area delle immense torri nei minuti finali di partita? Sembrava gi脿 scritta la sceneggiatura dell’ennesima beffa albiceleste di un campionato del mondo, dove la parola Argentina non appare come campe贸n addirittura da 36 anni.

Con Messi che assolveva bene il suo compito (assist e gol), l’Argentina si ritagliava tra il primo e secondo tempo quella sorta di tranquillit脿 e di gestione del match che mai finora aveva messo in mostra. Durava poco l’ammorbamento generale. Man mano che passavano i minuti la partita sfuggiva dalle mani di Scaloni e Messi grazie ai centimetri dell’Olanda e alla nuova convinzione mentale di Van Diijk e compagni.

Improvvisamente, la partita ordinata tatticamente di Scaloni si trasformava in battaglia campale. In questo nuovo contesto scattava la ‘modalit脿 callera‘. Quel instinto di soppravvivenza tipico dell’essere argentino nel riuscire a far fronte a ogni tipo di avversit脿 collettiva o individuale. L’ignoranza calcistica, se cos矛 possiamo definirla, tipica da Primera Divisi贸n argentina, o ancor meglio da Ascenso, dove le minacce e le provocazioni fanno parte della condizione ambientale normale.

Qualcuno la chiama viveza criolla, l’astuzia dei creoli, ovvero, la tendenza di combattere l’ambiente circostante con ogni mezzo (vedi mano la mano de Dios) al fine di raggiungere i propri obiettivi. Di fronte alle continue provocazioni olandesi (vedi dichiarazioni ad hoc nella previa di Van Gaal e scorrettezze varie al momento dei rigori), il gruppo argentino ha reagito a tono, riuscendo a tener testa nonostante le provocazioni e lo svantaggio psicologico della rimonta in dieci minuti. Senso totale di appartenenza, por la camiseta e por los hinchas. E’ allora un sentimento da condannare per questa squadra, criticatissima in passato per la mancanza di huevos, saper tener alta la dignit脿 nei momenti di avversit脿?

Questo si chiama futbol in Sudamerica, con tutta la passione e violenza che ne deriva. E allora se帽ores, forse prima di esprimere un giudizio bisognerebbe anche conoscere la realt脿 sociale dove provengono questi giocatori. Quella ‘ignorante’, calcisticamente parlando, del futbol argentino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sar脿 pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Libertadores