1 3 minuti 4 settimane

Termina nel peggior modo possibile la cavalcata in Libertadores del Vélez. Troppo forte il Flamengo, il Fortín affonda sotto i colpi di Pedro e compagni, autori di una prova dall’elevato tasso tecnico.

Fine del sogno. Nella notte il Vélez viene svegliato bruscamente dal tornado Flamengo, autore di una prestazione ai limiti della perfezione, e deve necessariamente tornare alla dura realtà. Nell’andata delle semifinali di Copa Libertadores il Fortín esce nettamente sconfitto 4-0 e deve dire addio ai propri sogni di gloria. Troppo sbilanciati gli equilibri tecnici in campo, il Fla traduce in goleada una supremazia indiscussa durata tutti i novanta minuti.

All’Amalfitani si assiste alla ilusión dei padroni di casa che sperano in un risultato positivo dopo le vittorie nella fase finale contro River e Talleres. La spinta dei 30.000 presenti è impattante e si fa apprezzare in termini di passione, ma non potranno nulla contro il poderoso Mengão, che sul campo fa valere la legge del più forte.

Pedro inizia il suo show, come del resto, di tutti i suoi compagni di squadra. Suo il vantaggio già al 32’ con un tocco nell’area piccola su cross di Leo Pereira che indirizza la gara nei binari rossoneri. Il Fla non si ferma e continua a dominare la gara con jerarquía, trovando il raddoppio al 45’ con Everton Ribeiro che finalizza un’azione dall’elevato tasso tecnico.

Nella ripresa il Vélez cerca la rete che permetterebbe la riapertura della sfida, ma la musica sul campo non cambia. Anzi. Arriva il secondo e il terzo gol personale di Pedro che fisserà il risultato sul quattro a zero finale. Troppa la differenza tra le due squadre, il Fortín deve incassare l’umiliazione che compromette – salvo autentici miracoli – la serie delle semifinali di Libertadores. Brusco ritorno alla vita reale, per la squadra del Cacique Medina, che certamente deve fare mea culpa degli errori difensivi, ma accettando anche la reale superiorità tecnica da parte degli avversari, ben più attrezzati per la conquista della Copa.

Tra una settimana, il ritorno al Maracaná di Rio de Janeiro. Il Flamengo è in attesa della terza finale degli ultimi quattro anni. Basta questo per capire il reale valore del poderoso squadrone carioca.

Un commento su “Fine dei sogni di gloria Vélez. Il Flamengo (0-4) ipoteca la finale Libertadores

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Libertadores