0 4 minuti 4 giorni

Semifinale da psicodramma per i tifosi Racing. La squadra gioca, crea occasioni, ma perde ai rigori. Il Boca ringrazia ancora una volta Agustin Rossi, incerto nelle uscite ma ancora una volta determinante ai rigori.

Nel neutro de la Fortaleza di Lanús il Boca centra l’obiettivo e accede alla finalissima di Copa de la Liga battendo in semifinale il Racing Club. E’ il verdetto che arriva da la Capital dopo i rigori che eliminano il Racing. Il Boca, dopo lo 0-0 dei minuti regolamentari, vince 6 a 5 la sfida dagli undici metri e strappa il biglietto per la finalissima di Cordoba del prossimo 22 maggio. Contro l’Acadé gioca Sebastian Villa nonostante la denuncia per violenza di genere arrivata solamente il giorno prima.

Zero a zero bugiardo per quanto visto nei tempi regolamentari. Il Racing Club nel primo tempo appare di un altro livello, con un gioco che ammalia i giocatori xeneizes, dettando constantemente il ritmo a centrocampo. La squadra di Fernando Gago appare migliore in tutte le fasi, impegnata costantemente con un pressing che disorienta il Boca fin dai primi minuti.Vicinissima al vantaggio con i giovani Alcaraz e Chancalay, solo per mancanza di lucidità non riesce a sbloccare il risultato.

Il Boca non si vede. Mai un tiro nello specchio nella porta, la squadra di Battaglia è in costante difficoltà e incapace di reagire di fronte allo strapotere dell’Academia. Nella ripresa si riequilibrano i valori in campo, anche se rimane inoperoso il portiere Racing Gastón Gómez. Dopo la sofferenza del primo tempo e una sorta di reazione nel secondo, si va direttamente ai penales per il perdurare dello 0-0.

Si conclude la serata con i tiri dagli undici metri e il pensiero va subito allo specialista Agustin Rossi, che compie la consueta prodezza, questa volta su Enzo Copetti, dopo una partita contornata da uscite ai limiti dell’imbarazzo. Dopo anche l’errore di Insua e la decisiva realizzazione di Varela, Il Boca esulta e ottiene cinicamente la preziosa vittoria che porta gli xeneizes di nuovo in paradiso. Mea culpa Racing. L’Academia si mangia le mani per non aver concretizzato nella prima parte di gara, pagando la scarsa precisione e la stanchezza nella seconda frazione.

Immagine

Sebastian Battaglia: Dt Boca: “Abbiamo fatto fatica, oggi. Nel primo tempo è stato difficile per noi perché il Racing è stata una squadra di intensità che non ci ha permesso di giocare e tenere palla. Continueremo sicuramente a migliorare. Sappiamo quanti sacrici abbiamo fatto questi ragazzi, ma la cosa piu importante è che il Boca sia in finale. Sono contento per i ragazzi.”,

Fernando Gago, Dt Racing Club: “Fa male uscire così, abbiamo dominato fin dal primo minuto. I giocatori e i tifosi sono stati fantastici. È orgoglioso di vedere questi giocatori giocare a calcio. È molto bello che se ne siano andati con un applauso. Il gioco? Penso che abbiamo dominato il Boca per tutta la partita. La squadra è stata ammirevole, sono molto orgoglioso di tutti. Sono molto soddisfatto della prestazione”.

Attesa stanotte per l’altra semifinale tra Tigre e Argentinos. Questa sera, ore 21, sapremo chi cercherà di rubare il titolo al Boca.


calcioargentino.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Libertadores