0 4 minuti 10 mesi

Nuove emozioni da vivere per l’ennesimo superclasico di quest’anno. In copa Argentina arriva il bollente ottavo Boca-River!

Grande attesa stanotte a La Plata per l’ottavo di finale che di nuovo terrà col fiato sospeso un Paese intero. Sarà difatti ancora Boca-River ad infiammare i tifosi di entrambe le squadre per il primo Superclasico di questo semestre, il quarto in questo 2021. Si giocherà in gara unica nel neutro del Ciudad de La Plata secondo le regole di questa Copa Argentina, con i calci di rigori dopo i 90 minuti regolamentari. Ma come ci arrivano a questo nuovo appuntamento Boca e River?

BOCA. Senza dubbio è il Boca la grande sfavorita di questo incontro. Da poco tornati i titolari in prima squadra dopo l’isolamento di una settimana, Miguel Russo deve affrontare il nemico Gallardo nel peggior momento possibile della stagione. Forma fisica a parte, sono i malumori nello spogliatoio che stanno tenendo banco tra le cronache xeneizes. Il ‘tradimento’ di Sebastian Villa ha fatto deflagrare la bomba nel club, col giocatore deciso a tutti i costi a cambiare squadra nonostante gli espliciti avvertimenti di Riquelme e le forti sanzioni disciplinari in arrivo. Dopo anche i recenti ‘mal di pancia’ di Cardona e Fabra il Boca ha ormai deciso: niente più colombiani nel prossimo futuro. Giorni destabilizzanti dunque in squadra, per un Boca che difficilmente riesce a trovare pace e tranquillità interna.

Immagine

Parlando di futbol giocato, il Boca arriva al superclasico dopo il deludente 0-0 in Primera contro il Talleres, nel ritorno dei titolari in prima squadra. Russo cerca la pretattica in vista River, non rivelando nè schema, nè formazione, provando in allenamento la difesa a 5. Potrebbe essere questa la soluzione tattica anti Millo. La mancanza di peso offensivo (ormai problema annuale) sarà la maggior preoccupazione del Dt, con il solo attaccante Orsini infortunato. Per fronteggiare la minaccia millonaria ci si affiderà ai titolari, ma anche ai neo acquisti dopo il buoon debutto di domenica. La possibile formazione? Eccola: Rossi; Weigandt, Zambrano, Izquierdoz, López, Rojo; González, Rolón, Ramírez; Pavón, Briasco.


RIVER. Dal fronte River c’è grande fiducia nello spogliatoio dopo le recenti prestazioni della squadra. Gallardo finalmente ha trovato la via del gol grazie all’istinto killer dell’ex Defensa Braian Romero, al quarto gol nelle ultime quattro partite. Mancherà, e sarà un’assenza importante date le ultime grandiose prestazioni, Mati Suarez, reduce dall’infortunio muscolare contratto contro il Lanus. Problemi anche per il centrale difensivo, Paulo Diaz, convocato ma quasi completamente escluso dalla partita per il riacutizzare del trauma della coscia destra. Probabili naturali sostituti Julian Alvarez e Jonatan Maidana.

Immagine

Per il resto lo spirito a Nunez è bello alto e Gallardo cercherà di tenere palla e comandare le operazioni offensive, cercando di raggirare il muro difensivo xeneize che molto probabilmente Russo ergerà. Classico 4-3-3 per il River, con un ultimo dubbio a centrocampo: Carrascal o Paradela? Lo vedremo stanotte. Probabile formazione: Armani; Montiel, Maidana, Martínez, Angileri; Zuculini, Pérez, Paradela/Carrascal; De la Cruz, Romero, Alvarez.

Appuntamento quindi per stanotte: ottavo di finale di Copa Argentina Boca Juniors-River Plate, ore 00:00, La Plata.


calcioargentino.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Libertadores