1 4 minuti 9 mesi

Nottata da dimenticare per le argentine nelle Copas. Un buon Racing -ancora primo nel girone- viene sconfitto al Maracaná contro il Flamengo, mentre pareggiano GGimnasia e San Lorenzo. Continua il periodo nefasto per l’Huracán, battuto in Uruguay.

Flamengo (Bra)-Racing Club (Arg) 2-1

Nella notte di Rio de Janeiro, la squadra di Jorge Sampaoli batte 2-1 la Acadé di Fernando Gago e si riporta in corsa per la qualificazione. Il Mengao che deve vincere a tutti i costi, scende in campo con il coltello tra i denti e con l’atteggiamento da grande squadra. In vantaggio con una azione corale conclusa da Wesley (36′), la squadra rojinegra progressivamente si sgonfia lasciando l’iniziativa agli ospiti. Che pervengono al pareggio a inizio ripresa (49′) con il solito Mati Rojas, che in posizione defilata scavalca Matheus Cunha con una traiettoria straordinaria che muore in rete sul secondo palo. Gol stratosferico, e pari meritato per quanto visto in campo. Nei minuti finali (83′) cambia ancora il risultato quando Victor Hugo supera il portiere Arias con un preciso rasoterra all’altezza del dischetto del rigore. Il Flamengo conquista i tre punti, si avvicina agli ottavi e spezza il record di imbattibilità al Racing, che però, rimane saldamente in vetta al gruppo A ed è padrone del proprio destino nell’ultimo turno contro il Nublense.

Goias (Bra)-Gimnasia (Arg) 0-0

Resta appesa ad un sottilissimo filo la situazione del Gimnasia che conquista un punto nella difficile trasferta brasiliana di Goiana, ma che ora necessita di un intreccio di combinazioni per continuare a tener vive le speranze del passaggio turno. In realtà, la gara fin prima stradominata del Verde, cambia radicalmente al 66′ in occasione dell’espulsione di Ariel (66′). Il Lobo allora inizia a crederci e si fa vivo maggiormente dalle parti dell’arquero Tadeu, senza però riuscire ad affondare il colpo decisivo. Servirà dunque un miracolo per il Gimnasia che dovrà battere l’Universitario di Lima con almeno tre gol di scarto e sperare nella sconfitta contemporanea del Santa Fé per vedere la luce delle fasi finali.

Danubio (Uru)-Huracán (Arg) 1-0

Continua il periodo critico dell’Huracán che vive un’altra notte da dimenticare ed esce sconfitta 1-0 nel Estadio Centenario. La squadra di Battaglia, alla terza sconfitta consecutiva tra Copa Sudamericana e Liga Profesional, non riesce ad imporsi e a rompere la maledizione del gol (astinenza che dura da 270 minuti). Si fa dura ora per la squadra di Parque Patricios che ora avrà bisogno di una serie di miracoli per le residue speranze di passaggio.

San Lorenzo (Arg)-Palestino (Cil) 0-0

Stecca anche il San Lorenzo che al Nuevo Gasometro non riesce ad aver la meglio del Palestino e continua a stentare in Copa Sudamericana. Necessari come il pane i tre punti alla vigilia, il Ciclón ci prova con tutti i mezzi ad abbattere il muro difensivo ma poi termina in dieci per l’espulsione di Cerruti nel finale. Ora la squadra del Gallego Insua non dipende più da sè stessa per la qualificazione alla fase eliminatoria.

Un commento su “Libertadores: il Racing cade in piedi. Appesi a un filo Gimnasia, Huracán e San Lorenzo in Sudamericana

  1. naturally like your web-site however you need to test the spelling on quite a few of your posts. Several of them are rife with spelling problems and I in finding it very bothersome to tell the truth on the other hand I will certainly come back again.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Libertadores